La cassa integrazione continua a crescere: picco del 5 percento a giugno

I dati elaborati dalla Uil non sono confortanti neppure a livello regionale. Il segretario Giannetto: "Siamo in attesa del tavolo tecnico con Di Maio già sollecitato"

Foto di repertorio

LECCE – Sono aumentate del 5 percento le richieste di ore di cassa integrazione avanzate, a giugno, dalle aziende salentine.

È il nuovo dato, poco confortante, diffuso dal servizio Politiche del lavoro di Uil Lecce e che testimonia la crescita costante in provincia di Lecce.

Nel mese preso in esame sono state autorizzate complessivamente 84 mila 809 ore così ripartite: 80 mila 870 ore di cig ordinaria, 2 mila 579 di cig straordinaria e mille 360 ore di cig in deroga.  

Anche a livello pugliese, i numeri sono preoccupanti: nel mese di giugno, si è registrato un picco di richieste pari al +237 percento rispetto a maggio.

“Ancora una volta, quest’anno, i dati della cassa integrazione evidenziano il perdurare di una situazione economica difficile e confermano le nostre preoccupazioni - commenta Salvatore Giannetto, segretario generale della Uil di Lecce -. Le durature e forti crisi industriali di cui, come sindacato, ci occupiamo tutti i giorni, sono evidenti anche dai dati sulla cassa integrazione straordinaria che è tornata ad aumentare tra maggio e giugno. Al contempo, preoccupa la continua richiesta di cig ordinaria, segnale di nuove aziende del nostro territorio che intraprendono, ex novo, un percorso di cassa integrazione”.

Secondo il rapporto Uil, nel primo semestre del 2019 sono state autorizzate complessivamente 569 mila 189 ore a Lecce e provincia, il 40 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il grosso delle richieste ha interessato sempre la gestione ordinaria: 561 mila 870 le ore richieste, il 18 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2018.

Ad incidere è stato soprattutto l’aumento delle richieste da parte del settore industria, pari a +75 per cento a livello regionale, mentre risultano in leggero calo le ore autorizzate nell’edilizia (-12 percento), artigianato (-100 percento) e commercio (-61,8).

Da gennaio a giugno, la cassa integrazione ha contribuito a salvaguardare ben 12mila posti di lavoro in tutta la regione.

“Questi dati – osserva ancora il segretario Uil Giannetto - mostrano l’evidente situazione di sofferenza di molte aziende industriali, dove ci auguriamo che i tanti tavoli di crisi aperti volgano al più presto a una positiva soluzione. Allo stesso tempo, emerge chiaramente come lo strumento di integrazione al reddito resti una valida misura di conservazione dei posti di lavoro, sulla quale, però, occorre intervenire con qualche correttivo per migliorarne ulteriormente l’efficacia. Da dicembre siamo in attesa del tavolo tecnico sugli ammortizzatori sociali, promesso dal ministro Di Maio e più volte sollecitato dalla Uil”.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento