rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

Voli Ryanair soppressi a causa dei Dpcm: da Lecce una class action

L’associazione Codici, che tutela i consumatori, ha come obiettivo il riconoscimento dei rimborsi dei biglietti annullati

LECCE – Parte una class action da Lecce per i rimborsi negati da Ryanair. L’associazione Codici ha infatti deciso di avviare un ricorso a nome dei viaggiatori che, a causa dei vari Dpcm, si sono visti sopprimere il volo.

L’iniziativa ha come obiettivo il congruo risarcimento per i passeggeri costretti a rinunciare al biglietto acquistato dalla compagnia aerea in virtù delle disposizioni in materia di spostamenti previste dall’ultimo decreto ministeriale. Si tratta, quindi, delle prenotazioni con partenze nel periodo tra il 6 novembre ed il 3 dicembre. È possibile partecipare alla class action compilando il modulo disponibile sul sito dell’associazione www.codici.org oppure scrivendo a segreteria.sportello@codici.org o telefonando allo 06.55.71.996.

 “Avevamo chiesto a Ryanair – dichiara Stefano Gallotta, responsabile per i trasporti e turismo di Codici – di porre fine a questo comportamento scorretto. Dopo l’intervento dell’Enac, che nelle scorse settimane aveva ribadito l’obbligo di rimborso del biglietto ai passeggeri che non possono usufruire dei voli a causa delle restrizioni anti Covid- 19, ci aspettavamo un cambio di rotta da parte della compagnia, che però non c’è stato. Continuiamo a ricevere segnalazioni di consumatori che non possono partire e si vedono negare il rimborso del biglietto. Di fronte a questo abuso e all’indifferenza di Ryanair non ci resta che passare alla linea dura, facendo partire la class action”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voli Ryanair soppressi a causa dei Dpcm: da Lecce una class action

LeccePrima è in caricamento