Coldiretti Lecce su Imu agricola: “Il rinvio al 2015 è la scelta giusta”

La proroga è stata annunciata nei giorni scorsi dal Governo, che aveva programmato il pagamento dell'Imu in un'unica soluzione entro il 16 dicembre. Tempi stretti e proteste delle associazioni di categoria hanno indotto il Governo allo slittamento

LECCE -  Retromarcia, ma in realtà è solo un rinvio, da parte del Governo - la proroga è stata annunciata nei giorni scorsi dal sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta - sul pagamento dell’Imu agricola in un'unica soluzione entro il prossimo 16 dicembre. I proprietari dei terreni possono infatti tirare un sospiro di sollievo, ma è solo temporaneo, perché toccherà mettere la mano al portafogli a giugno del 2015.

Tempi stretti - come detto l’Imu sarebbe dovuta essere pagata entro il 16, in una unica soluzione comprensiva di acconto e saldo (il decreto è di fine novembre) – e le tante proteste giunte dalle associazioni di categoria hanno così indotto il Governo allo rinvio a giungo 2015.

“Apprendiamo con soddisfazione - commenta il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno - il rinvio del pagamento dell’IMU sui terreni agricoli. Riteniamo totalmente inadeguato, infatti, il criterio dell’altitudine per differenziare i terreni imponibili quando invece sono ben altri i criteri da utilizzare. E’ assurdo per altro sottoporre ad ulteriori tassazioni i terreni condotti da imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti perché rappresentano i beni strumentali necessari allo svolgimento di attività già gravate da altri balzelli. Peraltro nel Salento si arriverebbe al paradosso per cui i terreni olivetati affetti da ‘Xylella fastidiosa’, dopo tre anni di improduttività e di maggiori oneri nella conduzione dettati dall’impegno profuso dai coltivatori nel tentativo di salvare gli alberi, vengano poi ulteriormente gravati da un ulteriore imposizione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A tal proposito – conclude Piccinno - riteniamo improcrastinabile ciò che chiediamo sin dall’inizio della scoperta della fitopatologia, ovvero la dichiarazione dello stato di emergenza per il Salento: istituto propedeutico agli sgravi e alle agevolazioni fiscali. Speriamo di non dover attendere ancora a lungo quello che consideriamo invece una legittimae doverosa presa d’atto per poi procedere con tutto il resto delle attività e delle azioni da avviare in tempi ristrettissimi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento