Mercoledì, 28 Luglio 2021
Uno dei capi prodotti da Doria
Economia

Doria1905: rinascita e rilancio della passione artigiana Made in Salento

Il Salento ancora protagonista nel settore della moda

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Come non rallegrarsi che in un momento difficile un gruppo di imprenditori astigiani decida di investire in un prodotto d'ispirazione classica e senza tempo, che interpreta al meglio la storia e lo stile del Made in Italy. Parliamo di Doria 1905 un marchio e un prodotto, frutto di tradizione, artigianalità e qualità che affonda le sue radici nella tradizione sartoriale del fatto a mano, coppole, trilby, cloche, berretti, caps, fedora, espressioni di uno stile naturale, raffinato, di un'eleganza moderna e accessibile, come racconta lo stesso Roberto Gallo, Presidente e AD dell'azienda "Abbiamo scelto Doria perché simbolo di qualità e di passione, vanto di un'artigianalità propria di una realtà che deve essere mantenuta e implementata".

La storia inizia nel lontano 1905 quando, la famiglia D'Oria insediatasi a Maglie (Lecce), organizza un piccolo laboratorio nel centro cittadino specializzato nella produzione di copricapi. Il nome della famiglia, e conseguentemente quello del marchio, deriva da Oria, città del Salento che tra il VII e il X secolo ospitò una sapiente comunità ebraica, tra le più illustri e prestigiose d'Europa. Ed è dallo stemma della città di Oria, che tuttora campeggia sulla "Porta degli ebrei", che deriva anche l'araldico di casa D'Oria, oggi e da sempre utilizzato come crest aziendale.

Rilevata dalla Famiglia Gallo di Asti, il cui ingresso, segna per l'azienda un nuovo e vigoroso slancio soprattutto nel campo che storicamente ne aveva costituito il punto di forza: il mercato americano. L'azienda subisce un restyling totale e mirato sia nelle tecniche di lavorazione che nell'assetto aziendale.

Alla fine del 2012 si decide di dare il via ad un ambizioso progetto di restyling e di rilancio del marchio DORIA ormai dormiente, ribattezzandolo DORIA1905 in onore alla sua prestigiosa storia, vengono implementate la divisione Commerciale e Stile, il reparto Comunicazione e marketing. La Produzione, riorganizzata, conta oggi un organico di 60 operai specializzati e un "LAB", laboratorio interamente dedicato alla prototipia, alla ricerca e allo sviluppo di materiali il cui principio fondante è la fusione tra lo studio degli archivi e delle lavorazioni tradizionali con le più innovative tecniche di produzione.

Produrre un "Doria" necessita di oltre 20 passaggi manuali…per CAPPELLI e BERRETTI in TESSUTO massima cura ed importanza viene data alla fase del TAGLIO (le pezze di tessuto dopo esser state attentamente controllate, vengono sfumate al vapore, adesivate e poi posizionate sul piano di taglio, dove sono posizionate a loro volta le dime dei modelli. Il taglio, come da tradizione viene effettuato in sbieco per dare al prodotto una vestibilità perfetta e morbida. A seconda della varietà del tessuto il Taglio è eseguito in modo differenti: scozzese e pied de poule, i quadri devono convergere sempre tra loro in maniera precisa per formare motivi e stele ad incrocio; pelle, pelliccia e cuoio invece vengono tagliati rigorosamente ad uno ad uno); della CUCITURA( i componenti vengono assemblati in diversi passaggi ciascuno dei quali è sempre accompagnato da una fase di stiro); della GUARNIZIONE (applicazione delle varie guarnizioni esterne, cinta e accessori particolari); dello STIRO DI ULTIMA (stiro su forme in legno o alluminio per conferire al copricapo la forma finale e perfezionare tutte le cuciture); dell'ASCIUGATURA (fase che si protrae per alcune ore su mensole con base a micro-rete di metallo, per far sì che il vapore che ha intriso i tessuti evapori del tutto e il cappello mantenga perfettamente forma e taglia. Per i cappelli in FELTRO e PAGLIA le fasi salienti sono comuni: la SFUMATURA (le cappelline e i coni di feltro o paglia vengono sottoposti ad una fase di ammorbidimento una macchina detta "sfumosa" che grazie al getto di vapore ammorbidisce il materiale rendendolo molto malleabile e idoneo alla successiva lavorazione); PRIMA FORMATURA (viene conferita una prima forma generica alle cappelline per ottenere altezza e circonferenza della testa e larghezza dell'ala. Questa fase può essere effettuata in due differenti modi, su forme a legno a mano con l'uso di un cordino di canapa per ridurre la circonferenza della cappellina all'altezza del giro-testa, la cosiddetta "Strangolatura", oppure su forme in metallo posizionate in apposite macchine a pressa); la RIFILATURA (le ali delle cappelline vengono rifilate a mano con precisione per ottenere la larghezza desiderata); la SECONDA STIRATURA (il cappello riceve la sua forma definitiva con la seconda stiratura che viene effettuata nei due diversi metodi a secondo della tipologia di prodotto). Solo per il FELTRO però vi un'ulteriore e definitivo passaggio: SFUMATURA FINALE in cui il cappello/berretto viene sfumato ancora una volta alla "Sfumosa", per perfezionare il risultato finale e togliere i segni del cordino o delle presse.

Oggi il marchio Doria 1905 è in crescita e per un migliore approccio del mercato è stato aperto uno showroom a Milano, vi è la partecipazione alle migliore fiere di settore, Pitti Immagine Uomo, MRKET Las Vegas e TOKYO MEN'S FASHION EXPO, ad aprile è stato inaugurato il primo monomarca a Bologna, e ora tocca a Maglie, quartiere generale dell'azienda, verrà inaugurato giovedì 12 giugno un vero concept-store dove accanto alla vendita dei cappelli, saranno presenti complementi d'arredo che sarà possibile acquistare, un corner relax dove degustare vini e bevande, e un Outsider point, uno spazio dedicato agli appassionati di musica, gestito dalla prestigiosa rivista, dove poter ascoltare una selezione musicale a cura della redazione e consultarne l'archivio. Inoltre ampio spazio sarà dato all'organizzazione di mostre, eventi, concerti diretti a valorizzare il patrimonio culturale e artigianale del territorio di cui Doria è tra i protagonisti.

L'azienda prevede inoltre entro la fine del 2014 l'apertura di ulteriori due punti vendita in Italia (Milano e Roma) ed è stato approvato un piano commerciale che prevede entro il 2020 l'apertura di boutique Doria1905 anche all'estero (Parigi, New York, Shangai, Tokyo ed altre location europee in valutazione)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doria1905: rinascita e rilancio della passione artigiana Made in Salento

LeccePrima è in caricamento