Domenica, 25 Luglio 2021
Economia

Filanto, cassa integrazione per quattro aziende. Si aspettano gli arretrati

Accordo in Provincia per gli ammortizzatori fino al gennaio 2015 per quattro aziende del cluster: Zodiaco, Tecnosuole, Italiana Pellami e Labor che contano 370 lavoratori. Ora i sindacati sollecitano il pagamento delle cinque mensilità arretrate nel 2013

LECCE – E’ finita la lunga attesa degli operai Filanto che è costata malumori e polemiche a causa dell’assenza dei commissari nel corso dell’ultima riunione presso la sede della Provincia di Lecce. Questa mattina, infatti, presso la sede dell’assessorato provinciale al Lavoro in via Salomi sono stati firmati gli accordi di cassa integrazione per quattro aziende del cluster Filanto: Zodiaco, Tecnosuole, Italiana Pellami e Labor. Complessivamente, le quattro società contano 370 lavoratori. La copertura degli ammortizzatori sociali, concessa per concordati preventivi, sarà garantita per un altro anno, fino al 2 gennaio 2015. Il giudice delegato ha autorizzato i commissari a procedere per la richiesta degli ammortizzatori sociali il 12 febbraio 2014.

Una buona notizia, quindi, almeno per quanto riguarda la copertura futura, considerato che mancano all’appello ancora cinque mensilità che vanno dall’agosto 2013 fino al dicembre dello scorso anno. Il sindacato di categoria, Filctem Cgil, al margine dell’incontro ha voluto lanciare un appello:”Una volta eseguita tutta la procedura con il ministero del lavoro, ci auguriamo che le istituzioni intervengano, una volta per tutte e in maniera decisa, affinché si abbiano i decreti autorizzativi al pagamento della cassa integrazione”.

E’ bene ricordare, infatti, che 370 famiglie del territorio che non percepiscono alcun reddito da oltre un anno, dal momento che cinque mensilità risultano bloccate e che, ancora oggi, nonostante gli accordi firmati al ministero dello Sviluppo economico, non sono state autorizzate al pagamento.

“È oggettivo che si tratta di interventi che danno una copertura provvisoria e che garantiscono una prospettiva ai lavoratori – commentano dalla Filctem - . Pertanto è auspicabile che l’azienda Leo Shoes continui a mantenere l’impegno per l’assunzione di altri lavoratori del cluster. Allo stesso tempo è necessario però che il territorio si attrezzi, attraverso tutti i livelli istituzionali, con interventi anche presso il Mise, a portare nuovi investimenti su questo territorio, oltre che a impegnarsi negli interventi formativi e di riqualificazione dei lavoratori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filanto, cassa integrazione per quattro aziende. Si aspettano gli arretrati

LeccePrima è in caricamento