Lavoratori Alcar tornano in fabbrica: fine dello sciopero dopo l’incontro in prefettura

Rassicurazioni del prefetto ai sindacati. Entro il 28 febbraio i dipendenti riceveranno il “bonus Renzi” e dalle prossime settimane regolarizzati buoni pasto e altre forme di welfare

I lavoratori dopo l'incontro in prefettura.

LECCE – Revocato lo sciopero dei metalmeccanici di Alcar Industrie srl: a partire dalla mattinata di venerdì, i lavoratori torneranno in fabbrica. La decisione arriva al termine di un incontro che, nel pomeriggio, si è tenuto presso la prefettura di Lecce. Le sigle sindacali, mentre i lavoratori attendevano in via XXV Luglio, hanno infatti incontrato il prefetto del capoluogo salentino, Maria Teresa Cucinotta, che ha fornito rassicurazioni sul loro destino  alla presenza del capo di gabinetto del prefetto, Beatrice Mariano.

Dopo la protesta delle ultime e 48 ore, nelle quali è stato organizzato presidio permanente davanti ai cancelli dello stabilimento con un’adesione allo sciopero del 90 per cento, si rischiara l’orizzonte per i dipendenti. I vertici aziendali hanno rassicurato sindacati e lavoratori: il verbale del 5 febbraio sarà rispettato, come tutti gli impegni presi nella lunga vertenza.

Entro il 28 febbraio sarà versato il cosiddetto “bonus Renzi” ai lavoratori che avevano scelto di riceverlo in un’unica soluzione. Il dirigente si è anche detto disponibile ad inserire figure apicali nello stabilimento salentino già a partire dal mese di marzo, rassicurando i sindacati anche sulle relazioni industriali. E non solo. Entro la fine di marzo, Alcar Industrie srl illustrerà il piano industriale e pianificherà incontri trimestrali per la sua verifica. Nelle prossime settimane, inoltre, sarà regolarizzata l’erogazione di buoni pasto e altri sistemi di welfare aziendale.

Rassicurazioni sono giunte anche in merito alla capitalizzazione dell’azienda, al versamento al fondo Cometa e all’Inps, come pure alle finanziarie per quei lavoratori che hanno aperto prestiti attraverso la cessione del quinto dello stipendio. Oltre al rispetto degli accordi presi nei giorni scorsi i segretari generali territoriali di Fiom e Fim Cgil, Annarita Morea e Maurizio Longo, hanno anche chiesto una più frequente interlocuzione con i vertici dell’azienda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento