UniSalento e Lions sostengono gli studenti migliori: stanziati 7mila euro per i master

Il protocollo, sottoscritto presso la sede del rettorato, regolamenta la donazione di un fondo destinato ad aiutare i laureati dell'ateneo salentino più brillanti che, però, versano in condizioni di disagio. La decisione a cura di una Commissione

LECCE – Brillanti, meritevoli, ma senza mezzi economici per proseguire il percorso di studi dopo il conseguimento del titolo accademico. L’ateneo salentino è corso ai ripari e proprio oggi, nella sede del rettorato, ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il Lions club Santa Croce che regolamenta la donazione di un fondo di 7mila euro messo a disposizione dallo stesso club. I firmatari sono stati il rettore Vincenzo Zara e, per il Lions Club, la past-president Paola Martina.

Tale fondo è destinato al finanziamento di uno o più master post-laurea a favore di giovani residenti nella provincia di Lecce che abbiano conseguito la laurea magistrale o specialistica con il massimo dei voti e che versino in condizioni di grave disagio economico, dunque. L’obiettivo è consentire loro un migliore inserimento nel mondo del lavoro e contribuire, così, anche allo sviluppo del territorio salentino.

I master verranno finanziati, a seguito di un apposito bando, nell’ambito delle macroaree giuridico-economica, umanistico-sociale e tecnico-scientifica: la decisione sarà a cura di un’apposita commissione nominata dal Senato accademico, presieduta dal rettore o suo delegato, e costituita da due membri del Lions club Lecce Santa Croce (la past-president Paola Martina e il professor Aldo Siciliano) e da due rappresentanti dell’Università del Salento (i professori Giuseppe Patisso e Stefano De Rubertis).

Le domande pervenute verranno valutate sulla base dei seguenti criteri: accertate condizioni di grave disagio economico;  voto di laurea magistrale o specialistica;  curriculum studiorum; interesse all’approfondimento culturale prescelto; scelta motivazionale del percorso formativo; progettualità al termine del percorso formativo.

L’iniziativa, oltre al notevole contributo economico, ha un forte valore simbolico perché contribuisce all’applicazione dell’articolo 1 dello Statuto universitario che “riconosce e garantisce pari dignità ai propri studenti, ne promuove la personalità libera e critica, rimuove gli ostacoli che di fatto impediscono scelte e opportunità e cagionano discriminazione, valorizza il merito e l’eccellenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il Lions Club Lecce Santa Croce, l’iniziativa rientra tra le attività finalizzate al sostegno di problematiche sociali e umanitarie e all’implementazione dei rapporti fra istituzioni pubbliche e soggetti privati con finalità di solidarietà sociale, promozione e sviluppo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento