Fumata nera per la vertenza Marozzi: "Flixbus guadagna quote di mercato"

L'azienda non revoca i licenziamenti collettivi. Autobus fermi il 23 febbraio Guagnano, Cgil: "A rischio 20 professionisti"

LECCE – I sindacati non la spuntano al tavolo ministeriale per la vertenza Marozzi Viaggi e Turismo: l’azienda conferma il licenziamento collettivo di 84 lavoratori, tra cui 20 autisti salentini.

I segretari di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e Ugl Fna si sono seduti al tavolo del ministero dei Trasporti nella giornata di ieri, confermando l’esito negativo delle trattative: “Rispetto alla posizione di chiusura della società e all’inspiegabile silenzio delle Regioni nelle quali Marozzi svolge i servizi di collegamento (Basilicata, Campania, Lazio, Puglia e Toscana) le segreterie nazionali – si legge in una nota - hanno ancora una volta ribadito la loro disponibilità a trovare soluzioni alternative per i lavoratori coinvolti, nel rispetto dei livelli retributivi e normativi”.

Marozzi è un’azienda interna alla holding Finsita del gruppo Vinella che opera attraverso autorizzazioni e concessioni pubbliche.  Ma quali sono i motivi alla base dei licenziamenti? “Non vi è nessuna crisi finanziaria interna perché i bilanci sono in attivo - ha precisato il segretario provinciale di Filt Cgil, Salvatore Guagnano -. I guadagni si sono però contratti negli ultimi tempi a causa della concorrenza dell’agguerrita Flixbus, società tedesca che, in seguito alla liberalizzazione della mobilità su gomma delle linee a lunga percorrenza, sta conquistando importanti fette di mercato”.

Flixbus è un'autolinea tedesca fondata nel 2012, sbarcata in Italia tre anni dopo e divenuta rapidamente un leader nel trasporto low cost, grazie a campagne di marketing efficaci e prezzi quasi imbattibili. Il suo è divenuto praticamente un “caso” per il fatto che il Parlamento, con una norma confezionata quasi su misura, ha cercato di tarparle le ali. Flixbus si è difesa in tribunale presentando vari ricorsi.

Il problema è tutto legato alla concorrenza nel mercato, a causa dei prezzi dei biglietti che sono molto contenuti. La società, però, non possiede mezzi propri ma offre servizi di trasporto su gomma, affidandosi a  compagnie locali che mettono a disposizione autobus ed autisti.

I competitor, evidentemente, stanno accusando il colpo: “Flixbus, però, non sta solo facendo una forte concorrenza – ha aggiunto Guagnano -, ma sta precarizzando anche i lavoratori. Gli autisti sono sottoposti allo stress del ricatto occupazionale perché assunti con contratti a chiamata oppure a tempo determinato”.

“Il problema è a monte. La responsabilità è della politica che non riesce a regolamentare come si deve il settore, così le aziende hanno deciso di sbarcare sulla piattaforma  - prosegue Guagnano -. I sindacati stanno percorrendo tutte le strade possibili per individuare delle alternative ma, anche nel caso in cui i lavoratori venissero riassorbiti da altre aziende, perderebbero il diritto acquisito negli anni sul parametro economico. E perderebbero anche le tutele garantite dai vecchi contratti, cominciando dal tempo indeterminato che non è più una certezza grazie all’applicazione del Jobs act”.

Le parti si sono riaggiornate in sede ministeriale il 19 febbraio. I sindacati intanto hanno indetto una seconda giornata di sciopero: i mezzi di Marozzi non viaggeranno a partire dalla mezzanotte del 22 febbraio per 24 ore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento