Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia Galatina

"Impianto Asi, tutto fermo, ma pagano i lavoratori"

Dalla Cgil nuova richiesta di concertazione, con la proposta di un tavolo tecnico istituzionale, che ridiscuta la situazione dell'impianto Asi. De Prezzo: "A pagarne le conseguenze sono i lavoratori"

IMG_0690[1]

GALATINA - "Nonostante le continue promesse, a dieci mesi dall'interruzione di qualsiasi attività, il depuratore Asi di Galatina rimane fermo, pur essendo stati ultimati nel mese di maggio tutti i lavori di adeguamento": la denuncia arriva dalla Cgil e dal coordinatore della macro area di centro, Ninì De Prezzo, che ribadisce come a pagarne le conseguenze ancora una volta siano i lavoratori dipendenti, il territorio, i cittadini di Galatina.

"Infatti - afferma -, la mancata riattivazione dell'impianto comporta una situazione di frustrazione per i sei lavoratori e le loro famiglie, un danno economico per la città, ma, soprattutto, un grave pericolo per la salute. Le numerose aziende che insistono nell'area industriale di Galatina e Soleto scaricano gli scarti di produzione nella condotta, finendo nel sottosuolo senza alcun controllo. Inoltre, per il totale abbandono e la mancata sorveglianza, la struttura sta subendo gravissimi atti vandalici".

De Prezzo evidenzia come negli ultimi mesi siano state puntuali e costanti le prese di posizione dei dipendenti e delle organizzazioni sindacali, con documenti indirizzati al Prefetto, ai Presidenti della Giunta regionale e di quella provinciale, ai rispettivi assessorati all'ambiente, al lavoro e ai lavori pubblici, al Presidente dell'Asi di Lecce, proprietaria della struttura: "Richieste che, dobbiamo con rammarico constatare - precisa -, non hanno avuto le risposte che meritano".


Per questo, la Cgil continua a chiedere anche a nome dei sei dipendenti la convocazione di un urgente incontro presso la sede del comune di Galatina, al fine di valutare tutte le iniziative atte a far ripartire, in tempi rapidi, l'impianto: "All'incontro - scrive la De Prezzo al sindaco di Galatina, Giancarlo Coluccia -, sarebbe importante invitare il presidente del Consorzio Asi, dottor Carlo Benincasa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Impianto Asi, tutto fermo, ma pagano i lavoratori"

LeccePrima è in caricamento