In crisi o in fallimento: 662 le aziende sottoposte a procedure concorsuali

L'Osservatorio economico ha censito le imprese della provincia di Lecce ormai in crisi, che sono andate incontro a fallimento o si trovano in stato di concordato preventivo, liquidazione coatta o amministrazione controllata negli ultimi sette anni

LECCE - Fare impresa ai tempi della crisi e fronteggiare le dure leggi del mercato. Dal 2012 a oggi sono 662 le aziende che in provincia di Lecce sono state sottoposte a procedure concorsuali. L'Osservatorio economico, diretto da Davide Stasi, ha infatti censito le imprese leccesi ormai in crisi, che sono andate incontro a fallimento o si trovano in stato di concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione controllata oppure amministrazione straordinaria speciale. Ed il quadro estrinsecato dai dati rilevati dallo studio fotografano una situazione non certo confortante sulle difficoltà incontra teda imprenditori e commercianti negli ultimi sette anni. Le oltre seicento imprese risultate in crisi e sottoposte alle procedure atte a  soddisfare le richieste vantate da tutti i creditori non risultavano ancora cancellate dal registro delle imprese al momento della valutazione.           

“I dati in questione confermano le grosse difficoltà in cui versano molte aziende salentine” spiega Davide Stasi, direttore dell'Osservatorio economico, “lo studio prende in esame le aperture di procedure concorsuali, disposte dal 2012 ad oggi, nei confronti di quelle aziende con sede in provincia di Lecce, che risultino sottoposte a fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione controllata, amministrazione straordinaria speciale”.

“Per l'apertura di una procedura concorsuale è necessario che l'azienda si trovi in uno stato di insolvenza e in possesso dei requisiti dimensionali previsti nelle norme della legge fallimentare italiana” spiega Stasi, “una volta accertata l'esistenza dei due requisiti, tali procedure disciplinano il rapporto tra l'azienda insolvente e i suoi creditori, con la presenza di un'autorità pubblica ed altri soggetti che variano a seconda della procedura stessa e valutano la possibilità di prosecuzione dell'attività d'impresa o la liquidazione del patrimonio”.

“Spesso accade che l’impresa si trovi in una situazione di difficoltà tale per cui il venir meno dell’equilibrio fra i costi e i ricavi, necessario alla prosecuzione dell’attività, provoca la mancanza dei mezzi di cui essa ha bisogno per far fronte ai propri impegni economici. Ciò provoca, conseguentemente, effetti non solo sulla sua propria attività, ma anche su tutti i soggetti che abbiano instaurato rapporti di collaborazione: in altri termini, la difficoltà della singola impresa determina ripercussioni negativi anche su tutti coloro che abbiano interagito con l'impresa in crisi. Per limitare il più possibile gli effetti negativi all’esterno dell’impresa e al fine di tutelare gli interessi degli altri soggetti implicati nella crisi, vengono adottate delle misure, grazie alle quali possa essere gestita la crisi dell’impresa”.

I dati delle imprese in crisi

Dai dati resi noti dall’Osservatorio  si evidenzia in particolare come i settori economici più colpiti risultano il commercio, con ben 206 aziende sottoposte a procedure concorsuali, pari al 31,1 per cento del totale. Seguono il manifatturiero, con 140 casi, corrispondenti al 21,3 per cento. Il comparto delle costruzioni, con 134 imprese, rappresenta il 20,2 per cento. E ancora le imprese cosiddette non classificate sono state 38 (ovvero il 5,7 per cento); l'agricoltura registra 25 aziende, ovvero il 3,8 per cento; le agenzie di viaggio o di noleggio registrano 20 episodi, pari al 3 per cento; nell'ambito delle attività professionali, scientifiche e tecniche si contano 19 casi, cioè il 2,9 per cento; per le attività di alloggio e ristorazione le aziende sottoposte a procedure concorsuali sono 15, corrispondenti al 2,3 per cento. Stesso numero di aziende nella sanità (15). Valori più modesti interessano gli altri settori: 10 le agenzie immobiliari; 8 le imprese che si occupavano di trattamento rifiuti; 8 le attività di trasporto; 8 le agenzie di comunicazione; 6 le attività artistiche e sportive; 4 le altre attività di servizi; 3 le società di fornitura gas e luce; 2 le società di finanza; una che eroga servizi di istruzione.

“Le procedure concorsuali sono diverse tra loro per requisiti di ammissione, finalità, procedura ed effetti, ma presentano tre elementi in comune” esplicita il direttore dell'Osservatorio economico, “in primo luogo, sono collegate ad uno stato di dissesto economico dell’imprenditore commerciale, nella forma di stato di crisi oppure di insolvenza. Inoltre, si connotano come procedure a carattere collettivo, perché coinvolgono tutti i creditori dell’imprenditore ai quali si garantisce, in linea di principio, una parità di trattamento. In terzo luogo, tutte le procedure concorsuali hanno carattere generale, cioè coinvolgono l'intero patrimonio dell’imprenditore. In sostanza tali procedure mirano a dare una soluzione allo stato di crisi di un'impresa commerciale attraverso la regolamentazione dei rapporti con i creditori”.

Va ricordato, poi, che a decorrere dal 2001, sono entrate in vigore peculiari regole di natura comunitaria che devono essere applicate quando l’impresa in crisi abbia carattere transnazionale, quando cioè compia la propria attività non solo nel territorio dello Stato italiano ma anche in altri Paesi appartenenti all’Unione europea. Con le novità processuali, contenute nella legge 134 del 7 agosto 2012 si cercato di compiere un ulteriore passo in avanti verso la privatizzazione del diritto della crisi d’impresa” aggiunge Stasi, “con l’obiettivo di semplificare ed accelerare il sistema delle procedure concorsuali ed avrebbe dovuto aiutare in modo ordinato e concordato il soggetto sovrindebitato a uscire dalla crisi. Tuttavia, non mancano gli aspetti critici, sia dal punto di vista della scarsa tutela del ceto creditorio, sia sotto il profilo della dubbia efficacia pratica della mini-riforma del 2012 “ conclude Stasi, “e siamo alla vigilia di un nuovo riassetto normativo. Dall’agosto prossimo, infatti, entreranno in vigore le regole del Codice della crisi, in pratica la nuova legge fallimentare, con la speranza che le procedure diventino più efficaci”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

Torna su
LeccePrima è in caricamento