rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Il bilancio

Inserimento lavorativo dei disabili in provincia di Lecce: i dati di Arpal

Nel 2022 avviati a un'occupazione 230 cittadini, mentre 44 sono stati i tirocini attivati insieme al dipartimento di Salute mentale di Asl

LECCE – In occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, l’ufficio di coordinamento dell’ambito di Lecce di Arpal Puglia ha diffuso alcuni dati relativi all’anno in corso: 230 sono i cittadini con disabilità avviati al lavoro, 44 i tirocini di inclusione sociale attivati insieme al dipartimento di Salute mentale, 236 le aziende e gli enti seguiti e 6 gli avvisi pubblici istruiti. Negli ultimi sei mesi, poi, 47 sono state le offerte di lavoro pubblicate e 420 le candidature ricevute.

Secondo la legge, infatti, alcune realtà sono tenute al collocamento di persone con disabilità. Secondo i numeri a disposizione di Arpal, il 95 percento della platea interessata (aziende ed enti) sono in regola con le previsioni normative, mentre le 13 aziende a oggi inadempienti verranno segnalate all’Ispettorato del lavoro.

I numeri lievitano a 54 offerte e 625 candidature nell’ultimo semestre se si tiene conto anche degli iscritti alle liste speciali delle “categorie protette” (orfani e coniugi di deceduti per cause di lavoro, guerra, servizio; figli e coniugi di grandi invalidi per le stesse cause; profughi italiani rimpatriati; familiari vittime del terrorismo; testimoni di giustizia; orfani per crimini domestici; care leavers e altro).

Attivati anche 44 tirocini

Nell’ultimo anno, in provincia di Lecce Arpal Puglia ha attivato 44 tirocini di inclusione sociale grazie alla convenzione stipulata nel 2019 con il Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Lecce, soggetto attuatore del progetto, e Regione Puglia. L’azione è finalizzata a favorire l’integrazione di una fascia di cittadini particolarmente fragile e stigmatizzata quale quella delle persone con disturbi psichici, prese in carico dai servizi territoriali del dipartimento.

I tirocinanti vengono formati per lo svolgimento di varie mansioni: commesso di vendita, addetto alla manutenzione del verde, personale non qualificato nei servizi culturali, amministrativo/addetto alla segreteria, bibliotecario/archivista, operaio semplice, addetto all'assemblaggio elettrico, assistente sociale, grafico, addetto alla preparazione e commercializzazione di prodotti da forno, portiere, addetto ai servizi di ristorazione, animatore sociale.

“L’Ufficio collocamento mirato – ha dichiarato il dirigente dell’ufficio di coordinamento di Lecce, Luigi Mazzei - sta facendo già tanto, ma vorremmo promuovere ancora di più l'inserimento delle persone con disabilità nel mondo del lavoro, contribuendo a creare sul territorio una vera cultura dell’inclusione lavorativa al di là dell’adempimento burocratico degli obblighi di legge”.

Come iscriversi all'elenco speciale

Si invitano le persone con disabilità che non lo abbiano già fatto a recarsi presso il Centro per l’Impiego, nel cui ambito territoriale si trova la residenza o il domicilio, per iscriversi all’apposito elenco speciale. Si ricorda, inoltre, che è necessario rinnovare l’iscrizione alle liste al termine di un rapporto di lavoro che comporti la decadenza della precedente iscrizione. È indispensabile, inoltre, che in fase di iscrizione o di rinnovo venga prodotta al Centro per l’impiego la documentazione contenente la diagnosi funzionale o relazione conclusiva L.68: chi è già in possesso di certificazione di invalidità civile, con un grado di almeno il 46 per cento, dovrà richiederla alla commissione medica integrata Inps-Asl, anche per il tramite dei servizi di assistenza e patronato. Solo per gli iscritti alle liste in possesso di diagnosi funzionale, è possibile valutare le capacità lavorative, le abilità, le competenze e le inclinazioni, la natura e il grado della disabilità e potrà analizzare le caratteristiche dei posti da assegnare, agevolando l'incontro tra domanda e offerta di lavoro a favore di persone con disabilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inserimento lavorativo dei disabili in provincia di Lecce: i dati di Arpal

LeccePrima è in caricamento