Economia

"Lo sviluppo infrastrutturale attraverso Por e Pon"

Incontro fra Confinustria di Lecce e Brindisi con le delegazioni parlamentari e regonali. Costituito un tavolo tecnico istituzionale

Ieri mattina, presso presso Tenuta Monacelli, s'è tenuto un incontro promosso proposto dalle sezioni di Confindustria di Lecce e Brindisi, nel quale è emersa piena convergenza sul documento riguardante la programmazione dei fondi Por e Pon relativi alle infrastrutture. Presenti al dibattito le deputazioni parlamentari e regionali. Secondo una nota della Confindustria di Lecce, "è stato ribadito da tutti gli intervenuti la valenza strategica della piattaforma logistica regionale e la necessità che le scelte siano coerenti".

"In tale contesto - prosegue la nota -, la realizzazione di un sistema che leghi il Salento con l'hub di Taranto e il porto di Brindisi e il nodo di Lecce alle direttrici nazionali ed internazionali, appare irrinunciabile. Così come il collegamento con il Corridoio 8 e, quindi, con l'asse adriatico per un verso, e il collegamento con il Corridoio 1 e, pertanto, con l'asse tirrenico attraverso la direttrice bradanico - salentina e i nodi di Ferrandina - Salerno, appaiono prioritari, in uno con il collegamento di Bari con Napoli attraverso l'Appennino".

"Lo sviluppo delle reti e il potenziamento dei nodi all'interno della piattaforma logistica - prosegue Confindustria - deve pertanto essere perseguito utilizzando le risorse del Por, del PON e del FAS insieme alle risorse ordinarie".

"In tale ottica - conclude la nota, fondamentale valenza acquisisce una programmazione attenta al potenziamento ferroviario della linea Brindisi - Taranto - Metaponto - Ferrandina - Salerno; il collegamento ferroviario di Brindisi con il porto e l'aeroporto del Salento, la realizzazione dell'asse stradale bradanico - salentina nonché il completamento della rete delle Ferrovie del Sud Est e della grande Stazione di Lecce, la realizzazione di uno studio per l'individuazione del sistema integrato intermodale con la concretizzazione del Distripark salentino".


L'incontro si è concluso con la costituzione di un tavolo tecnico istituzionale misto che vedrà la presenza dei rappresentanti dei comuni capoluogo delle province interessate, della Regione, delle Camere di Commercio e di Confindustria per la rimodulazione degli interventi da finanziare con le risorse del Por, del Pon e del Fas.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Lo sviluppo infrastrutturale attraverso Por e Pon"

LeccePrima è in caricamento