Nuovo centro termale, società vuole investire decine di milioni di euro

I portavoce della s.p.a. presenteranno, a giorni, il proprio progetto di gestione e realizzazione di un nuovo complesso

Santa Cesarea Terme

SANTA CESARE TERME – Si rivolge alla Regione Puglia, al Comune di Santa Cesarea Terme e all’ente che gestisce le terme dell’omonimo comune. Chiede la concessione, tramite canone annuale, del complesso alberghiero e termale di proprietà della s.p.a., oltre all’adiacente area sportiva di proprietà del Comune. La “Ge.Ter. s.r.l.”, società promotrice di un progetto per il rifacimento delle strutture termali esistenti e per la realizzazione di nuove. Una serie di interventi che la società presenterà, nel corso dei prossimi giorni, al pubblico. La società, intende avviare l’apertura di tre strutture alberghiere, aperte praticamente quasi per l’intero anno.

“Accanto al turismo balneare, si è sviluppato un turismo termale proveniente da un bacino di utenza molto esteso che, pur rappresentando l'elemento determinante per la destagionalizzazione, non sempre trova un servizio adeguato e rispondente alle aspettative”, dichiarano dalla società.  ”Uno degli aspetti che ha influito negativamente sullo sviluppo della stazione e dell’intera località termale è rappresentato dal livello basso dei servizi elargiti e dalla mancanza di volontà di cambiare per migliorare una prestazione pubblica che, invece, con questo piano si ritiene di migliorare in qualità e quantità”, aggiunge il portavoce della società.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è proprio su queste due anime, quella termale e quella balneare, che intende far leva il progetto presentato dalla Ge.Ter.. Diverse le fasi della pianificazione. Rimodulare, innanzitutto, la destinazione d’uso degli “asset” termali e la valorizzazione delle strutture dismesse. Con un notevole investimento di svariati milioni di euro, la società promuove la riqualificazione del Nuovo centro termale e dell’albergo col suo stabilimento. Discorso analogo anche per il complesso sportivo vicino, nel quale si intende realizzare una centro di rieducazione psico-motoria. Uno dei punti più rivoluzionari del progetto, inoltre, è rappresentato dal collegamento su rotaia, veloce e frequente, tra gli alberghi e del Nuovo centro termale e il centro storico. Prevista, inoltre, anche la riqualificazione del “Lido Caicco” e discese a mare, delle piscine e delle strutture connesse, alla fruizione delle grotte naturali “Gattulla” e “Sulfurea”. Si tratterebbe di un “Aaccordo e successiva stipula di contratto di concessione con il Comune di Santa Cesarea Terme per la gestione del Nuovo centro termale a fronte di un opportuno canone annuale (i costi concernenti le opere per la messa in esercizio del Nuovo Centro Termale saranno a totale  carico della Ge.ter. s.r.l.”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento