Domenica, 25 Luglio 2021
Economia

“L’ora della terra”: luci spente in sei comuni della costa adriatica salentina

In occasione della mobilitazione globale per fermare il cambiamento climatico, nel comprensorio spegneranno le luci di piazze e monumenti Vernole, Acaya, Otranto, Uggiano La Chiesa, Maglie e Castro. Sfida nel segno della sostenibilità

@TM News/Infophoto

LECCE - Il 29 marzo, con l’Ora della Terra, il Wwf ripropone la più grande mobilitazione globale per fermare il cambiamento climatico che, per l’ottava edizione, spegnerà le luci del pianeta in una suggestiva “ola di buio” attraverso tutti i fusi orari, mentre cittadini, artisti, istituzioni e aziende si uniranno per moltiplicare la propria energia e creare insieme un futuro in armonia con il pianeta. Con lo slogan “Usa la tua energia” il Wwf dedicherà questo mese alla lotta al cambiamento climatico : verranno annunciate  iniziative, collaborazioni speciali e campagne a favore di progetti nelle aree più a rischio-clima, come l’Artico, e delle specie più vulnerabili, come l’orso polare. 

Anche quest’anno l’Ora della Terra lascerà al buio monumenti, luoghi simbolo, sedi istituzionali, uffici, imprese e abitazioni private di tutto il mondo, coinvolgendo cittadini, istituzioni, imprese e testimonial nel cambiamento concreto che può garantire il futuro della vita sul pianeta e il benessere dell’uomo, contro un  riscaldamento globale i cui effetti diventano sempre più evidenti e preoccupanti, e dunque va assolutamente fermato se vogliamo evitare che sconvolga  gli ecosistemi, le specie e la vita di milioni di persone. L’urgenza su cui il Wwf lancia la sfida globale è di abbattere  le emissioni di gas serra e scegliere le tecnologie del futuro, quelle pulite  ed efficienti.

Centinaia gli eventi e le iniziative speciali sul web e nelle migliaia di città coinvolte in tutto il mondo. Anche in Italia vi sarà lo spegnimento di monumenti e piazze nelle principali città (info su www.wwf.it ).

In Puglia l’evento è patrocinato dalla Regione Puglia e le adesioni dei comuni sono significativamente aumentate rispetto al 2013. Nel comprensorio della costa adriatica salentina il Wwf Terra d’Otranto e l'Oasi Wwf Le Cesine hanno promosso congiuntamente il coinvolgimento di diverse amministrazioni locali: Vernole, che spegnerà l’illuminazione esterna del palazzo del Municipio; la Provincia, che attraverso il Centro Culturale Mediterraneo spegnerà l'illuminazione dello storico Castello di Acaya; Otranto spegnerà le luci del Lungomare degli Eroi ed Uggiano La Chiesa quelle di piazza Umberto I. Inoltre, hanno confermato il loro impegno anche due Amministrazioni comunali che già negli anni passati avevano partecipato all’Earth Hour: Maglie e Castro con gli spegnimenti rispettivamente di piazza Aldo Moro e del Castello Aragonese.

L'evento principale dell’iniziativa si svolgerà in piazza Umberto I a Uggiano la Chiesa. Qui, grazie alla disponibilità del dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Uggiano, Otranto e Giurdignano, Luigi Moscatello, e del sindaco di Uggiano la Chiesa, Salvatore Piconese, verrà spenta l'illuminazione pubblica della piazza dalle 20,30 alle 21,30. Ma l’Earth Hour uggianese non si limita a questo; conclude piuttosto un'intensa attività didattica promossa nei giorni scorsi dal Wwf, attraverso il suo attivista Davide Calcagnile, in alcune scuole medie del comprensorio.

Hanno annunciato che spegneranno le luci, partecipando all'Earth Hour in forma volontaria, l’'hotel resort “Mulino a Vento” di Uggiano la Chiesa, l'azienda agricola "San Basilio" di Minervino di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’ora della terra”: luci spente in sei comuni della costa adriatica salentina

LeccePrima è in caricamento