Posta elettronica, il 75 per cento delle aziende leccesi ce l'ha "certificata"

Da un'indagine pubblicata sul quotidiano Il Sole 24 ore, è emerso che il 75 per cento delle aziende della provincia, si è dotato di posta elettronica certificata, guadagnando i primi posti della classifica del sud

LECCE -  Il 75 per cento delle imprese leccesi, iscritte nell'apposito registro, si è dotato della Pec, la posta elettronica certificata. Adeguandosi, con un processo di modernizzazione e digitalizzazione, a quanto sancito nel decreto, che disciplina il tema,  del 2008. Superando, di gran lunga, la media nazionale e salendo, di diritto, sul podio del Sud. In base ai dati pubblicati dal quotidiano economico,  Il Sole 24 Ore, sarebbero 16 mila e 555 le aziende locali che hanno provveduto a dotarsi di Pec. Un risultato che vede Lecce sopra la media nazionale, attestata sul 70 per cento e al secondo posto della classifica delle province meridionali. Seguendo soltanto alla provincia di Isernia, ma restando in testa alla graduatoria regionale.  Supera infatti la province di  Taranto, Bari, Foggia e quella di Brindisi che, ultima nella classifica della Puglia, si attesta sul 63 per cento.

"Ottimo risultato conseguito dal sistema imprenditoriale locale. La provincia di Lecce è prima in Puglia e seconda nel meridione- ha dichiarato il presidente leccese della Camera di commercio , Alfredo Prete - Un segnale di crescita e maturità dell’economia provinciale”. Ha poi aggiunto: "Attivare e tenere aggiornata la Pec consentirà alle società ed alle pubbliche amministrazioni, e di conseguenza all’intera collettività, di risparmiare tonnellate di carta e milioni di euro in costi di corrispondenza. Soprattutto permetterà alle imprese salentine di entrare nel futuro".

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Virus a ritmo battente, i medici: “La Puglia diventi zona rossa”

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

  • Scavalca tre muri dopo il furto: fuga spericolata, ma braccato e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento