Economia

Il collegio infermieri professionali assistenti sanitari vigilatrici d’infanzia di Lecce premia le tesi migliori

Premiate le prime cinque migliori tesi del 6° concorso provinciale bandito dall’Ipasvi di Lecce

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Il collegio infermieri professionali assistenti sanitari vigilatrici d’infanzia di Lecce, in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari, ha premiato le cinque migliori tesi nel’ambito del concorso “Premiazione e divulgazione della cultura infermieristica” riservato a tutti gli studenti neo-laureati che hanno discusso la tesi nel periodo compreso fra ottobre 2016 e maggio 2017. I cinque vincitori sono stati premiati nel corso della cerimonia di discussione delle tesi, sessione autunnale sede polo del Salento di Lecce, che si è tenuta nei giorni scorsi, presso l’aula magna dell’ oncologico, dal presidente Marcello Antonazzo, dal coordinatore del Consiglio di Interclasse BR-LE-Tricase, prof.ssa Anna Maria Sardanelli, dai professori Nicola Brienza e Salvatore Santacroce e dai Consiglieri IPASVI Lorenzo De Benedittis, Luca Marulli e Dolores Resta. “Il concorso, giunto alla sua sesta edizione, ha voluto mettere a confronto – spiega il dott. Antonazzo– i migliori progetti di tesi in campo infermieristico. La commissione ha premiato, tenendo conto della pertinenza e della validità scientifica del lavoro, della qualità della revisione bibliografica, della rigorosità del metodo applicato, dell’l’originalità del testo, della qualità dell’analisi statistica e della spendibilità nella prassi infermieristica o l’operatività degli strumenti proposti. Il primo premio è stato assegnato alla tesi realizzata dall’infermiera Sara De Pascalis dal titolo: “Le cure palliative pediatriche: l’isola che non c’è”; il secondo a Giusi Lanzilao per il lavoro dal titolo: “Etica e deontologia dell’esercizio professionale”; il terzo riconoscimento è andato a Michael Bianco che ha presentato una tesi dal titolo: “Gestione delle complicanze da somministrazione di chemioterapia: revisione della letteratura”; il quarto premio è stato aggiudicato a Simona Longo con una tesi dal titolo: “Dal cartaceo all’informatizzato verso un ospedale Paperless: un cammino multidisciplinare” ed infine il quinto premio è stato attribuito a Floriana Azzurra Potì con un lavoro di tesi dal titolo: “Oncoematologia pediatrica: ruolo e competenze infermieristiche”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il collegio infermieri professionali assistenti sanitari vigilatrici d’infanzia di Lecce premia le tesi migliori

LeccePrima è in caricamento