Puglia: attivo il servizio web per i lavoratori anziani dell'agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro

In occasione dell'anno europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni, parte un nuovo servizio web per i lavoratori in età avanzata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

LECCE - In occasione dell'Anno Europeo dell'invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni, l'Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro (EU-OSHA) presenta un nuovo servizio web per i lavoratori in età avanzata.

Accedendo al link https://osha.europa.eu/it/priority_groups/ageingworkers è possibile reperire statistiche, informazioni utili ed esempi pratici di misure volte a migliorare le condizioni di lavoro dei soggetti più anziani (come l'adeguamento delle mansioni lavorative e le valutazioni dei rischi sensibili all'evoluzione demografica), e a mantenere la propria "abilità lavorativa" nel tempo.

La tutela della salute e della sicurezza sul lavoro rappresenta infatti uno degli elementi considerati chiave nella possibile estensione dell'età lavorativa anche in Italia, come dimostra il secondo sondaggio d'opinione europeo sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro realizzato da EU-Osha secondo il quale l'80% degli Italiani ritiene che buone pratiche di sicurezza siano importanti nell'aiutare le persone a lavorare più a lungo prima del pensionamento.

"Un'attività lavorativa soddisfacente e sicura - ha dichiarato Christa Sedlatschek, il direttore dell'Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro - costituisce una parte importante dell'invecchiamento attivo. I giovani lavoratori sono i lavoratori anziani del futuro; la garanzia di un buon livello di salute e sicurezza sul lavoro riveste un ruolo fondamentale nel migliorare e prolungare la vita lavorativa delle persone".

Su richiesta del Parlamento europeo e della Commissione europea, nei prossimi mesi l'EU-OSHA varerà un progetto pilota finalizzato all'analisi di strategie di miglioramento della salute e della sicurezza dei lavoratori anziani.

Se, secondo le previsioni registrate nel Libro bianco sui sistemi previdenziali della Commissione europea nel 2020 i lavoratori italiani avranno l'età di pensionamento più alta d'Europa, con 66 anni e 11 mesi, (oltre un anno di differenza rispetto ai 65 anni e 9 mesi della Germania), anche l'Unione europea sta affrontando importanti cambiamenti demografici, caratterizzati da un aumento dell'aspettativa di vita e da una riduzione dei tassi di natalità. Tali elementi indicano la probabilità che, nei prossimi decenni, assisteremo a un notevole incremento della percentuale di lavoratori più anziani. Attualmente, meno della metà dei soggetti tra i 55 e i 64 anni lavora all'interno dell'UE lasciano il mercato del lavoro prima dell'età pensionabile.

Fra gli ostacoli principali al proseguimento dell'attività lavorativa per gli over-55, gli Italiani considerano l'esclusione dai programmi di aggiornamento e training (76%), la mancanza di possibilità di riduzione graduale delle ore lavorative (75%) e il giudizio negativo, la discriminazione, da parte degli altri lavoratori (63%). (Fonte: sondaggio Eurobarometro sull'invecchiamento attivo 2012)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento