Risparmio in acqua e bollette: drone ispezionerà condotte per trovare perdite

Il progetto di monitoraggio e analisi dei dati nasce da una collaborazione tra Università del Salento, Politecnico di Bari e Acquedotto. L'apparato innovativo consentirà ispezioni finora impossibili e costose grazie a un sistema applicativo brevettato da una costola imprenditoriale dell'ateneo leccese

BARI– Non potevano che essere presentate nel Palazzo dell’Acqua, a Bari, la sede istituzionale di Acquedotto Pugliese, le ultime sperimentazioni nel monitoraggio e la ricerca delle perdite in rete: SIMPLe, un innovativo sistema di ricerca delle perdite realizzato in collaborazione con Università del Salento e Politecnico di Bari, e l’utilizzo di droni per la video ispezione di tratti del canale principale.

Una novità che farà contenti sia il gestore idrico che i consumatori.

Si tratta di un sistema che combina l’azione di un drone filoguidato e di un complesso software per l’individuazione di falle nel sistema di condotte che si estendono, tra i bacini del Sele e del Calore, per 245 chilometri su 40mila complessivi. Il tratto principale del canale è stato selezionato per la sperimentazione di un nuovo metodo di approccio e analisi dei dati attraverso l’utilizzo della tecnologia Simple – dal termine inglese che significa semplice – ma che sta a significare System for Identifying and Monitoring Pipe Leaks – brevettato dall’azienda MoniTech s.r.l.- Spin off dell’Università del Salento, che sfrutta le microonde per localizzare le perdite in reti idriche e fognarie. La sperimentazione su larga scala di SIMPLe è il frutto di una collaborazione, avviata nel 2011, tra l’Università del Salento (sotto la responsabilità scientifica del prof. Andrea Cataldo), il Politecnico di Bari (prof. Nicola Giaquinto) e l’Acquedotto Pugliese. Una prima esperienza

pilota è stata realizzata su una nuova rete idrica a Lecce, nelle località di Borgo Piave- Masseria Grande e Masseria Marangi, per un’estensione di circa 10 km con risultati confortanti.

Più da vicino il nuovo sistema d’ispezione si baserà sull’introduzione nelle tubature di un drone accessoriato di telecamera a colori ad alta risoluzione, strumentazione di navigazione, profondimetro, giroscopio e sonar. Sarà proprio quest’ultimo l’asso nella manica del robottino denominato grazie al quale l’operatore potrà verificare in tempi brevi e costi contenuti le condizioni e lo stato di salute della rete idrica.

20141210_125209-3L’apparato, che a guardarlo bene somiglia più a un piccolo gruppo elettrogeno che a un drone come comunemente lo intendiamo, ha dimensioni e forma appositamente studiate per navigare all’interno delle condotte come se si trattasse di un giocattolo telecomandato. In realtà a guidare il drone ci sarà un tecnico, mentre ad alimentarlo ci penserà il cordone ombelicale che lo collega alla piattaforma mobile.

Sarà compito di Simple, invece, verificare lo stato delle condotte. E ciò avverrà attraverso l’emissione, e la relativa riflessione, di microonde che permettono al sistema applicativo di comprendere se c’è qualcosa che non va nella conduttura. A quel punto l’intervento potrà essere mirato e permetterà di interrompere l’erogazione del servizio solo per un breve periodo. Ciò si traduce anche in una maggiore velocità di esecuzione e in un’ottica di sostenibilità ambientale, visto il continuo depauperamento delle risorse, anche e soprattutto, a causa di perdite lungo la rete.

Frattanto i vertici di Aqp fanno sapere che si sta velocemente procedendo all’istallazione dei rilevatori sensibili che si alterneranno nell’intera rete idrica con il passare del tempo e permetteranno al drone di ispezionare singoli tratti e volta per volta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A illustrare l’importante novità, Nicola Costantino, amministratore unico dell’azienda, affiancato dal sindaco di Lecce Paolo Perrone, in veste di presidente dell’autorità idrica pugliese, e da Giovanni Giannini, assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento