rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Economia

Infermieri e oss con contratti in scadenza, lettera dei sindacati: "Subito proroga"

Le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil, Fials, Nursind e Fsi-Usae, dopo aver proclamato lo stato di agitazione, organizzano un sit-in il primo giugno in Regione e chiedono stabilizzazioni alla Asl

LECCE – Contratti precari e in scadenza degli infermieri, del personale oss e altre figure ospedaliere che nel 2021, a seguito del “concorsone” in Regione, sono rimasti fuori (inizialmente “assorbiti” da Sanità Service e da alcune Rsa, per poi ritrovarsi in difficoltà davanti al blocco delle assunzioni). Eppure in tanti hanno già raggiunto i 36 mesi di anzianità che consentirebbe la stabilizzazione. Nel frattempo, anche tanti altri sanitari stanno maturando la stessa anzianità, ma il prossimo mese andranno via per via della scadenza del contratto. Dopo lo stato di agitazione proclamato lo scorso 11 maggio, indetta un’assemblea sindacale e poi la manifestazione a Bari.

Le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil, Fials, Nursind e Fsi-Usae si rivolgono al direttore della Asl leccese, al prefetto, all’assessore regionale alla Sanità e alle questure del capoluogo salentino e di Bari. Interpellati, nell’ambito delle istanze messe per iscritto, anche il presidente del tavolo Sepac (il Comitato regionale per il monitoraggio del sistema economico produttivo e delle aree di crisi) e l’amministratore unico di Sanità Service.

Hanno infatti preannunciato un sit-in di protesta, il prossimo primo giugno, davanti alla sede della presidenza della Regione Puglia su lungomare Nazario Sauro. Nessuna risposta sarebbe giunta a seguito delle sollecitazioni avanzate dalle organizzazioni sindacali, che ora inoltrano appunto una lettera  per chiedere la proroga del contratto a tempo determinato fino al 31 dicembre e in scadenza alla fine del mese entrante, come previsto del resto dalla Legge Madia.

“Tutto il personale della Asl di Lecce e? in fermento per le incertezze del proprio futuro prossimo anche in vista delle imminenti ferie estive che condizionera? negativamente tutti i servizi”, scrivono nella missiva.  Il perdurare della fase pandemica ancora in atto vede tutte le strutture ospedaliere e territoriali impegnate ad affrontare l’emergenza da Covid. Nonostante vi sia stata una ricognizione degli aventi diritto alla stabilizzazione con i requisiti maturati 31 dicembre dello scorso anno, nessun elenco sarebbe stato ancora redatto. Uno stallo, evidenziano i sindacati, che “produrrà nella Asl di Lecce un corto circuito amministrativo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermieri e oss con contratti in scadenza, lettera dei sindacati: "Subito proroga"

LeccePrima è in caricamento