rotate-mobile
Economia Calimera

Startup salentina quotata alla Borsa di New York, mantiene la produzione a Calimera e Surbo

Vero e proprio orgoglio del territorio, l'azienda in oggetto opera nel campo medico producendo soluzioni di contrasto all'obesità. Vincenzo Benisi, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Lecce, ha espresso la sua piena soddisfazione per quanto avvenuto

CALIMERA - La startup salentina Gelesis con sede sia a Calimera che a Boston da ieri è quotata alla Borsa di New York. Il suo prodotto di punta è un dispositivo medico innovativo per contrastare il sovrappeso e l'obesità. 

La società propone un trattamento dimagrante in pillola indicato per gli adulti in sovrappeso e con una massa corporea tra i 25 e i 40, utilizzato in combinazione con una dieta sana ed esercizio fisico. La pillola è composta da un materiale superassorbente, l’unico al mondo interamente ingeribile a base di derivati della cellulosa, brevettato da Gelesis. L’obiettivo dell'azienda con questo prodotto è quello di supportare le tante persone che combattono contro l’obesità e che affrontano anche altre patologie intestinali.

Gli stabilimenti in Salento

Pur diventando a tutti gli effetti una multinazionale farmaceutica, con l'arrivo della Pure tech health Plc in qualità di partner leader, la Genesis ha mantenuto la produzione, nonché buona parte della ricerca e sviluppo, negli stabilimenti pugliesi di Calimera e Surbo.

Si tratta a tutti gli effetti di un vero e proprio orgoglio del territorio, a cui anche le più alte cariche regionali non hanno mancato di far recapitare i propri complimenti tramite i social; in particolare ad Alessandro Sannino, fondatore e direttore scientifico dell'azienda, e a tutti i talenti che insieme a lui hanno ottenuto questo grande risultato. 

Le dichiarazioni della Camera di Commercio

"Gelesis approda alla ribalta finanziaria internazionale: è una notizia che rende orgoglioso tutto il Salento" - commenta Vincenzo Benisi, Commissario straordinario della Camera di Commercio di Lecce - "Una startup che ha seguito un percorso evolutivo straordinario, nascendo nel fecondo ambito di Unisalento su impulso di Alessandro Sannino, poi intrecciando relazioni a livello globale, oggi quotata in borsa, ma, al contempo, sempre ben radicata nella sua terra di origine. Credo fortemente nella ricerca applicata all'impresa. Le idee vincenti trovano sviluppo ed attuazione grazie alla scienza, alla tecnologia, all'innovazione, allo studio, alle sperimentazioni e al coraggio di fare impresa. Nel caso specifico, poi, non parliamo di un successo imprenditoriale meramente individuale, ma declinato in termini sociali; parliamo di un'idea, di un brevetto che impatta in maniera importante sulla salute, sul benessere, trattando una patologia estremamente diffusa. Esprimo, pertanto, le mie più fervide congratulazioni alle brillanti menti che collaborano per affermare questa promettente realtà che dal Salento è appena sbarcata a Wall Street".
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Startup salentina quotata alla Borsa di New York, mantiene la produzione a Calimera e Surbo

LeccePrima è in caricamento