Economia Porto Cesareo

Imposta di soggiorno oltre le previsioni: impiego della somma a sostegno del turismo

Ammonta a 140mila euro l'importo versato nelle casse del Comune di Porto Cesareo. D'intesa con le associazioni di categoria si è scelto di utilizzarlo interamente a supporto di iniziative di promozione e di formazione, come i corsi di lingua inglese

PORTO CESAREO – Per i tre mesi estivi il Comune di Porto Cesareo ha riscosso 140 mila euro di imposta di soggiorno, andando oltre le previsioni della vigilia.

Tale somma sarà impiegata, come assicurato dall’amministrazione, “completamente per arricchire il cartellone delle attività natalizie, investire in sicurezza, partecipare alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano, migliorare il trasporto urbano con mezzi navetta all’interno del nuovo piano traffico, organizzare corsi di lingua inglese per migliorare l’approccio con i visitatori stranieri”.

Altrove, come dimostra il caso di Lecce, non è così, e solo una parte residuale dell’importo viene utilizzata per attività strettamente legate al comparto turistico. “La tassa di soggiorno – ha spiegato il sindaco, Salvatore Albano - si rivela uno strumento importante per mettere da parte ciò che è necessario per implementare e innovare la rete dei servizi sul territorio. Il turismo rappresenta un indotto fondamentale per l’economia locale, il volano su cui puntare per crescere”.

Le modalità di impiego degli introiti sono state decise nel corso di un tavolo tecnico al quale hanno preso parte le associazioni delle strutture ricettive. Nel prossimo consiglio comunale si procederà alla ratifica.

A Porto Cesareo, l’imposta di soggiorno non si applica a portatori di handicap, persone di età superiore ai 70 anni e inferiore ai 18, ed ha un importo di un euro al giorno per i primi cinque giorni di permanenza. “Si è avuto un introito di 140 mila euro  su un dichiarato di 170 mila –  ha spiegato la consigliera con delega al turismo, Katia Basile -, ed abbiamo pensato di destinarne subito una parte alla realizzazione di un ricco programma natalizio a partire dal 19 dicembre e fino al 6 gennaio, puntando sulla destagionalizzare e creando un richiamo turistico utile anche agli esercenti, che potranno organizzare pacchetti competitivi che rendano appetibile Porto Cesareo anche d'inverno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imposta di soggiorno oltre le previsioni: impiego della somma a sostegno del turismo

LeccePrima è in caricamento