Mercoledì, 4 Agosto 2021
Economia

Tecnologie per la medicina del futuro: torna "Ariser"

A giugno s'incontrano ad Otranto tecnici esperti in tecnologie minimamente invasive e nanosistemi per diagnosi e terapie. Prevista la partecipazione di grandi aziende del settore e relatori di fama

Esperti illustri a convegno per approfondire le nozioni di "Minimally invasive technologies and nanosystems for diagnosis and therapies", ovvero le cosiddette tecnologie minimamente invasive e nanosistemi per diagnosi e terapie. Il mondo dell'estremamente piccolo in soccorso della più moderna e avanzata chirurgia. Dal 9 al 13 giungo il Castello Aragonese di Otranto ospiterà la scuola estiva internazionale annuale del consorzio europeo Aris*er sulle tecnologie in fase di sviluppo per le terapie minimamente invasive. La quarta edizione dell'evento, fortemente voluta dal'Istituto di fisiologia clinica del Cnr di Lecce, porterà a convegno speaker di fama mondiale provenienti dai più importanti centri clinici e di ricerca in varie parti del mondo.

Parteciperanno al programma scientifico con letture magistrali sullo stato dell'arte di tali applicazioni e delle relative tecnologie in uso e future. Accanto a questi: giovani ricercatori del consorzio Europeo Aris*er presenteranno e discuteranno i risultati scientifici del loro lavoro di ricerca in modo multi- e interdisciplinare. Anche in quest'edizione, il premio "Best Paper Award" verrà consegnato all'autore del miglior contributo scientifico e della sua presentazione. Le maggiori industrie operanti nel settore biomedico saranno invitate a partecipare all'evento con dimostrazioni dei loro sistemi tecnologici o prodotti biomedici più avanzati e in fase di sperimentazione clinica, con l'obiettivo di aprire nuove collaborazioni di ricerca e sviluppo pubblico-private nel campo delle terapie minimamente invasive. Nelle scorse edizioni l'Esaote, la Philipse la Trimprobe di Finmeccanica hanno presentato live demo. Quest'anno parteciperanno all'evento industrie italiane e non, quali la NewCorTec, la Siemens, la Sorin, la Medtronic e la Kongsberg Sim norvegese.

La scuola estiva è rivolta a tutte le specialità mediche coinvolte (chirurgia, radiologia, anestesia, oncologia, ecc.), ad ingegneri biomedici, ricercatori, scienziati e studenti interessati alla chirurgia del futuro basata su mini-invasività e sul cosiddetto Nos (Nature orifice surgery). Nel 2007, l'evento ha visto coinvolte più istituzioni europee e circa cento giovani ricercatori di oltre ventidue nazionalità diverse, che hanno appreso i progressi di frontiera su alcune tecnologie biomediche innovative che si giovano dell'approccio multidisciplinare.

Il programma completo dell'evento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tecnologie per la medicina del futuro: torna "Ariser"

LeccePrima è in caricamento