Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Uccella: "Stp, pareggio in bilancio entro quest'anno"

Il Cda della Società di trasporti ha approvato la bozza di bilancio 2007. Il presidente: "A chiusura dei conti vi è un miglioramento del saldo". Appello alla Cgil: "Basta con lo scontro permanente"

La sede della Stp.

Il Consiglio d'amministrazione della Stp ha approvato la bozza di bilancio 2007 ed ha convocato per metà marzo l'assemblea dei soci per l'approvazione definitiva del documento finanziario che riguarda l'esercizio 2007. La perdita di quest'anno ammonta a 898mila euro (con le tasse, 2 milioni 783mila euro). Il recupero è quindi di circa 1 milione e 581mila euro, nei quali vanno calcolate le somme accantonate, lo scorso anno, per il fondo rischi (circa 730mila euro). Detraendo alle perdite del 2006 il fondo rischi, il recupero netto ottenuto con il bilancio attuale è di 830mila euro circa. I risparmi più considerevoli provengono da voci strutturali come i consumi di carburante (- 247mila euro) e dall'aumento dei ricavi e proventi per circa 380mila euro.

"Come si potrà notare, in questi giorni, a chiusura definitiva dei conti 2007, vi è un ulteriore miglioramento del saldo. Le perdite si attestano a meno di 900mila euro ed il recupero si presenta sempre di più come un fattore strutturale e stabile", commenta il presidente del Cda, Umberto Uccella. "Questo - prosegue Uccella - potrà consentirci di guardare al pareggio di bilancio, per l'anno in corso, con ragionevole fiducia. Naturalmente, nessuno pensa che i problemi siano risolti e che ci sia da fare del trionfalismo: siamo, comunque, ancora in presenza di una perdita di bilancio e, proprio perché siamo di fronte ad un'efficace politica di risanamento, il rigore va affermato come un elemento costante, per evitare gli sprechi, combattere le inefficienze e colpire quelle negligenze che, talvolta, affiorano nella conduzione di importanti comparti aziendali".

"Sull'insieme di questa situazione - prosegue Uccella - sarebbe opportuno che tutte le forze interessate al risanamento e al rilancio dell'azienda si confrontassero nel merito. Da un lato, l'amministrazione provinciale, che in quest'anno non ha mancato di farci sentire un sostegno tutt'altro che formale. Dall'altro, le organizzazioni sindacali, con alcune delle quali abbiamo messo in piedi una politica di concertazione che ha dato i suoi effetti. E' qui che intendo sottolineare un punto di grande significato: è possibile che una forza come la Cgil non si accorga e non prenda atto che in questa azienda si sta realizzando una svolta estremamente significativa che può fare di Stp una moderna azienda di mobilità extraurbana? Come si può proseguire in una logica di scontro permanente che rischia di condurre quel sindacato ad occupare uno spazio sempre più marginale e una dimensione via, via più corporativa? Io non ho mai proposto la consociazione. Sono per la distinzione dei ruoli, ma la dialettica non può dare luogo ad una tensione continua, in cui non vi è spazio per il riconoscimento dei risultati concreti che stiamo ottenendo e che ha come sbocco soltanto lo stato d'agitazione fino allo sciopero. E' un invito alla riflessione - conclude Uccella - ed ad un confronto a cui nessuno potrà sottrarsi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccella: "Stp, pareggio in bilancio entro quest'anno"

LeccePrima è in caricamento