Mercoledì, 16 Giugno 2021
Economia

UniSalento, con il decreto aumentano le possibilità di nuove assunzioni

Il decreto ministeriale 907 attribuisce numerosi punti organico all’ateneo, pari a 8,86, utili per assumere personale a tempo indeterminato e ricercatori a tempo determinato. Entusiasta il rettore Zara: “In tempi così difficili abbiamo superato università ben più forti di noi”

LECCE - Supera ogni più ottimistica previsione l’assegnazione dei “punti organico” all’università del Salento: il decreto ministeriale 907 dello scorso 18 dicembre ne assegna, infatti, ben 8,86. Al di là del linguaggio tecnico, è utile ricordare come tale indicatore sia tra i fondamentali perché si riferisce alla possibilità di assumere personale a tempo indeterminato e ricercatori a tempo determinato.

“In tempi durissimi per il sistema universitario nazionale – ha commentato il rettore Vincenzo Zara - si tratta di un’ottima notizia, che va oltre ogni nostra previsione. Siamo riusciti a superare atenei confrontabili col nostro, ma anche università ben più grandi. Una boccata d’ossigeno, che ci siamo guadagnata anche grazie al nostro essere un ateneo virtuoso”.

Nel dettaglio il decreto stabilisce che per le comunità accademiche con un indicatore di spese di personale inferiore all’80 percento (ed è il caso di UniSalento)  le nuove assunzioni possono essere pari al 20 percento delle cessazioni dell’anno precedente. Il decreto attribuisce anche un contingente assunzionale aggiuntivo, fino a concorrenza del 50% massimo a livello di sistema, ripartito in misura proporzionale al 15 per cento del margine ricompreso tra l’82 per cento delle entrate di cui all’articolo 5 del decreto legislativo 49 del 2012, al netto delle spese per fitti passivi e la somma delle spese di personale e degli oneri di ammortamento annuo a carico del bilancio di ateneo complessivamente sostenuti fino al 31 dicembre 2013.

In buona sostanza l’ateneo salentino ha ottenuto 3,33 “punti organico base” e 5,53 “punti organico aggiuntivi”: il totale di 8,86 punti organico rappresenta il 53,2 percento delle cessazioni del 2013 di UniSalento ed è quindi superiore al 50 percento del turnover di sistema a livello nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

UniSalento, con il decreto aumentano le possibilità di nuove assunzioni

LeccePrima è in caricamento