Vacanze rovinate: quando c'è responsabilità dei tour operator?

Quante volte ci si affida a un tour operator per programmare le proprie vacanze: alooggi, attività e escursioni, tutto scelto dal tour operator stesso. Ma quando qualcosa va storto nel programma, di chi è la responsabilità? Una recente sentenza mette chiarezza sull'argomento

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Quante volte ci si affida a un tour operator per programmare le proprie vacanze: alooggi, attività e escursioni, tutto scelto dal tour operator stesso. Ma quando qualcosa va storto nel programma, di chi è la responsabilità? Una recente sentenza mette chiarezza sull'argomento.

Con la sentenza n. 9317 dell'8 maggio 2015, la Corte di Cassazione ha definitivamente risolto una querelle giudiziaria intrapresa da un turista italiano, che durante un viaggio in Tunisia, era caduto da un dromedario e aveva subito un infortunio.

Il turista aveva citato in giudizio il tour operator per ottenere il risarcimento del danno subito, rimarcando però come la gita in dromedario non fosse contemplata nel programma vacanziero, ma fosse stata acquistata da operatori in loco, tramite il personale del tour operator, che aveva il compito di seguire la clientela ed agevolare i contatti con i locali.

Seppur in primo grado il turista vinse la causa, in appello fu ribaltata la sentenza. I Giudici hanno infatti sostenuto innanzitutto che il programma di viaggio predisposto dal tour operator prevedesse espressamente che qualunque prenotazione e/o acquisto di biglietti per eventuali escursioni sarebbe stato instaurato direttamente con le varie agenzie tunisine, escludendo quindi che il tour operator potesse essere considerato organizzatore delle escursioni medesime.

Inoltre hanno ritenuto che non potesse essere ascritta al tour operator alcuna responsabilità dell'incidente perché il pacchetto del tour operator non contemplava espressamente un'escursione in dromedario, ma per quella data semplicemente un viaggio in fuoristrada con pernottamento in tenda.

In Cassazione gli ermellini, hanno confermato la sentenza di appello, censurando il motivo di doglianza del turista secondo cui gravava sul tour operator un obbligo di protezione che imponeva ex D.l. 11/1995 di "adottare tutte le misure atte a garantire la sicurezza dei propri partecipanti".

Gli ermellini hanno ritenuto il ricorso del turista del tutto infondato in quanto nessun obbligo di risarcimento del danno poteva sussistere in capo al tour operator, avendo esso svolto tramite proprio personale semplicemente un "ruolo di mera intermediazione nell'acquisto dell'escursione"

Avvocato Cristiano Cominotto
AssistenzaLegalePremium.it

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento