menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Vertenza clinica Città di Lecce: la Asl di Lecce liquida 7 milioni di euro

La direzione generale interviene sulla vicenda dei lavoratori in stato d'agitazione della casa di cura convenzionata, sbloccando i pagamenti per radioterapia e dialisi. "Compiuto ogni sforzo possibile per aiutare il partner privato"

LECCE - In relazione alle vicenda delle retribuzioni non corrisposte ai lavoratori della "Casa di cura" convenzionata "Città di Lecce hospital srl", per ragioni di liquidità la cui causa, in tutto o in parte, viene attribuita ai mancati pagamenti da parte di Asl Lecce, la direzione generale comunica quanto segue.

"La Asl di Lecce, consapevole della contingente difficoltà che sta interessando la clinica convenzionata, e dei riflessi sugli stipendi ai lavoratori, ha operato ogni sforzo per liquidare e pagare tutto ciò che è possibile, a vigenti norme. Ha pertanto sciolto i nodi che impedivano il pagamento delle prestazioni di radioterapia e dialisi, garantendone il pagamento e la prosecuzione, pur se tuttora in assenza di accreditamento regionale".

La direzione ha anche deciso per la corresponsione di un ulteriore acconto sul conguaglio 2011, pari al 50 per cento del fatturato, in attesa della validazione delle schede di dimissione ospedaliera. L'azienda saniria ha così messo a disposizione, in tempi, brevissimi una complessiva liquidità di oltre 7 milioni ai quali potranno aggiungersi, appena Città di Lecce hospital avrà provveduto agli adempimenti di sua competenza, la differenza per il ricalcolo dei ricoveri riabilitativi su giornata di degenza, le somme relative alla assistenza ospedaliera indiretta relative ad anni pregressi ed un nuovo, tempestivo acconto sulle prestazioni mensili, come già fatto nel mese di luglio.

La Asl comunica di aver così compiuto "ogni sforzo possibile per sostenere un suo importante partner privato nella garanzia dei servizi a favore dei cittadini: in particolare, la prosecuzione delle attività di radioterapia e dialisi consente di non diminuire il livello di assistenza sino ad oggi garantito alla collettività". "Siamo certi che a tale sforzo corrisponderà un analogo impegno, come sempre, di Città di Lecce sr, affinchè la regolare corresponsione delle retribuzioni consenta la piena ripresa delle attività sanitarie, - conclude la nota del direttore Valdo Mellonre - ferma restando l'ulteriore pendenza di altre vertenze che avrebbero potuto trovare composizione nella transazione, impregiudicati i reciproci diritti".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento