Sabato, 18 Settembre 2021
Eventi

A tutto live: swing, elettronica e il mito dei Doors

Lungo weekend di appuntamenti: dall'elettronica di Giannico alle cover dei Celentanrock, passando per l'omaggio ai mitici Doors con i Morrison Hotel. Spazio anche al swing e all'intrattenimento

Vuaolè-2

LECCE - Un lungo weekend di appuntamenti, quello salentino, che si apre venerdì 22 ottobre: l'elettronica diventa protagonista al Molly Malone di Lecce, a partire dalle 22, con ingresso gratuito, quando si esibirà il tarantino Francesco Giannico (in arte Mark Hamn). Dopo anni trascorsi a ''rumoreggiare'', passando per esperienze anche diverse, variate dal noise all'indie, e successivamente a studiare i vari software di creazione musicale, ha elaborato un concetto tutto suo di elettronica sperimentale, che lo vede interagire con oggetti tra i più' disparati, oltre che con una ''vecchia amica chitarra'', che non vuole assolutamente abbandonarlo neanche in questo genere musicale, sebbene la sua presenza sia più eterea e difficilmente riconoscibile.

Laureato in "musicologia e beni musicali" presso l'Università degli Studi di Lecce, con un master di in management e valorizzazione del patrimonio culturale, Giannico è anche presidente dell'associazione Lab Lib e responsabile del laboratorio di "Ecologia del Suono e Spazi Interiori dell'Anima". Ha pubblicato i suoi lavori per molte etichette come Afe Records, Hysm, Akoustic Desease, Muertepop and Porter Records.

A Cutrofiano, come ogni venerdì, è tempo del "Cervellone", appuntamento per tutti gli amanti dei giochi a quiz o solo desiderosi di fare nuove conoscenze: al Jack'n Jill, si propone il più evoluto gioco a quiz con pulsantiera wireless. Grafica 3D animata, pulsantiere a 10 tasti alfanumerici, domande testuali, musicali, video e tanto ancora fanno di questo sistema il più evoluto della specie. Primo premio in palio, un soggiorno per 4 persone in Italia o all'estero e tanti gadget (Per info, 0836541126 - www.jacknjill.it).

Domenica 24 ottobre, per I Love Italian Song, spazio ai Celentarock, band formata nel giugno del 2007 e composta da Gabriel Napoli (voce), Antonio Scorrano (batteria), Alfredo Avantaggiato (chitarre), Enrico Minonni (tastiere) e Antonio Carlucci (basso). La band propone uno spettacolo vero e piacevole con gag, monologhi e tante canzoni. Il vasto repertorio ripercorre oltre 50 anni di onorata carriera di Celentano, dai primi rock and roll fino ad arrivare agli ultimi successi.

Giovedì 28 ottobre, sempre a Cutrofiano, rivive il mito dei Doors con i Morrison Hotel: la band nasce come progetto tributo a uno dei gruppi che ha rivoluzionato come altri, ma in maniera forse più profonda in quei mitici anni 60 -70, la storia della musica, sopratutto nella figura leggendaria di Jim Morrison. Il gruppo ripropone i brani dei The Doors, cercando di riprodurre quei suoni vintage tanto ricercati ma anche rivisitandoli in chiave a volte più rock, ripercorrendo la carriera musicale della band di Los Angeles, da brani come Light My Fire, R.blues, Alabama Song, Peace Frog e tanti altri. La formazione si presenta oltretutto con nomi già conosciuti nel panorama musicale salentino, formatosi tra componenti dei Malgarbo, Dinamo rock, Granma con una unica passione la musica degli anni 70 e soprattutto quella dei Doors. Sul palco Luigi Cataldi (batteria), Fabio Lecci (voce), Pippo Fiorentino (chitarra), Gabriele Saracino (organo).

Domenica 31 ottobre serata Halloween con i Ghigni Five. Il progetto nasce dall'idea di 6 ragazzi amanti del Rock'n Roll e di tutto ciò che circonda i selvaggi anni '50. L'intento è proprio quello di riproporre, attraverso le sonorità vintage e i ritmi indiavolati, le affascinanti atmosfere, a volte anche quasi surreali, degli anni '50, con balli scatenati, allusioni sessuali, provocanti movimenti del bacino... un mondo che per la prima volta incluse i bianchi in una musica fino ad allora riservata ad un pubblico esclusivamente nero. Il messaggio dei Ghigni Five viaggia diretto come un treno e si traduce in un esplicito invito a lasciarsi andare, a farsi trasportare da un'atmosfera di serenità e pace, allontanando la crisi di una società che anno dopo anno sta andando in frantumi. Questo è l'esplosivo spettacolo dei Ghigni five, con sonorità esclusivamente Rock'n Roll dagli anni '50 ai '70, da Chuck Berry, l'eclettico Elvis Presley ai Doors.

Venerdì 22 ottobre, a partire dalle 23, all'Istanbul Cafè di Squinzano, con ingresso a 3 euro, in scena il doppio concerto dei Cadabra, che propongono un genere sensibilmente influenzato da sonorità rock-wave ´80 ma rielaborato in chiave più attuale e personale, e Playontape, band salentina con lo sguardo rivolto all'immaginario new wave fiorito negli eighties. Nati nel gennaio 1998, i Cadrabra sono composti da Francesco Radicci (batteria), Sebiano Cuscito (voce e chitarra), e Vincenzo Romano (basso). I Cadabra hanno all´attivo quattro dischi - "Sound Moquette" (2001), "Blood and Blades" (2003), "Love Boulevard" (mini-cd 2006) e "Wave/Action" (2009) - seguiti da altrettanti videoclip (`Blooms´, `Sleeping´, `Love Boulevard´ e `Watching me change´) e tour promozionali (oltre 150 concerti in tutta Italia dal 2001 ad oggi).

Al loro attivo opening-act per artisti quali Diaframma, Marlene Kuntz, Cristina Donà,
Skiantos, la partecipazione, nel 2004, al Festival delle Periferie di Genova, jam-session con Andy dei Bluvertigo. Nel 2007 i Cadabra sono selezionati per Wave in Italy, cd-comp. che racchiude il meglio della dark-wave italiana.

Sabato 23 ottobre, alle 23, con ingresso a 5 euro, torna all'Istanbul Cafè, il virtuoso inarrivabile del mixer e dei piatti: DJ Gruff riesce a far convivere una straordinaria, artigianale abilità nell'assemblare le rime, con le possibilità infinite offerte dai suoni campionati e dalla pratica dello scratch. Funky, soul, le radici africane del ghetto e la "old school", che si ricompongono all'interno di un suono travolgente ed essenziale, scandito metronomicamente dal pulsare inarrestabile della batteria elettronica. Ha collaborato con tutta la scena italiana, dall'Isola Posse All Stars di "PassaParola" a Carry D. sino al Sud Sound System e a Neffa.

Da qualche anno è tornato alla sua passione originale, quella per il dj style e la manipolazione continua di piatti e vinili. Al suo fianco in consolle il percussionista salentino Roberto Chiga, che ha collaborato con numerosi progetti e musicisti come Athanaton, Ensemble terra d´Otranto (di cui è componente attivo), Brizio Montinaro, Savina Yannatou, BandAdriatica, Ambrogio Sparagna, Nidi d´Arac, Valerio Daniele, Emanuele Coluccia, Allegra Brigata Bodhran, Canzoniere Grecanico Salentino, Arakne Mediterranea, Aioresis, Pino Gioia e Apulia Ensemble, Gianluca Milanese, Demotika Orkestar, Antonio Amato, Agrikò, Suoninmovimento, Ronam Trio, Analogue birds, BTQ, Gruffetti and the Sinfonaito, Kamafei. (info www.myspace.com/istanbulcafe - 3496429342)

Venerdì 22 ottobre, alle 22.30, al Coffeeandcigarettes di Lecce, con ingresso libero, spazio alle Vuaolè, quartetto composto da Irene Scardia e Carolina Bubbico (piano e voce), Antonella Mucelli e Grazia Sibilla (voce) e caratterizzato da un'incalzante vivacità ritmica e da una originalità nella ricerca melodica e armonica, interpretata da voci dotate di temperamento interpretativo, agili e ben assortite, come il loro repertorio.

Sempre venerdì 22 ottobre, alle 22, al Vite di Nardò, con ingresso libero, proseguono gli appuntamenti della rassegna Jazz Club Night, con Tutto d'un fiato, progetto di soli strumenti a fiato, che nasce e si sviluppa attraverso un soffio, composto da Giorgia Santoro (flauto, bansuri, flauto basso, effects) e Francesco Massaro (sax baritono, contralto, clarinetto, flauti e fischietti). Il repertorio ripercorre le atmosfere ipnotiche di M. Waldron, i ritmi energici di H. Pascoal e Gismonti, i temi ossessivi di T. Monk, composizioni originali e libere improvvisazioni.


Sabato 23 ottobre, con inizio alle 22 ed ingresso gratuito, nuovo appuntamento della rassegna di improvvisazione di teatro e musica "Sabato Jazz Cabaret". Sul palco, spazio all'Italian Swing Connection, un progetto che si propone di dar sfogo ad un grande amore dei musicisti, lo swing. L'idea è quella di unire le atmosfere calde del jazz a riproposizioni, in chiave swing appunto, un po' dissacranti ed ironiche che vanno da standards anni '50, fino ai giorni nostri. Il repertorio spazia dal grande Sinatra e Dean Martin fino ai recenti Michael Bublè e Peter Cincotti. Ma omaggio alle grandi voci del panorama jazz nostrano come Nicola Arigliano, Fred Buscaglione e Renato Carosone. Il gruppo è attivo dal 2004 nato da un 'idea del cantante ed irriverente performer Roberto Lezzi e tenuto vivo dall'amore per il jazz di Giancarlo Del vitto alla chitarra, Michele Colaci al contrabbasso, Antonio De Donno alla batteria e Emanuele Tondo al piano (Info e prenotazioni 3895157351 - 0833564896).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A tutto live: swing, elettronica e il mito dei Doors

LeccePrima è in caricamento