Lunedì, 20 Settembre 2021
Eventi Botrugno

Berardi racconta suo padre, vittima delle Brigate rosse

Il secondo appuntamento con la rassegna "Calici di carta" a Botrugno sviscera le storie degli anni di piombo: Giovanni Berardi presenta suo padre, maresciallo di polizia ucciso dal terrorismo rosso

1-414

BOTRUGNO - Il terrorismo, la cornice sociale che lo ha accompagnato, la drammatica vicenda di Rosario Berardi: sono numerosi gli spunti che arrivano dal secondo appuntamento della rassegna "Calici di carta" a Botrugno, organizzata dall'associazione culturale "Il Baco". La visione del documentario "Quelli di via Fani", puntata de "La storia siamo noi" di Minoli, che ricostruisce le vicende umane e professionali dei cinque uomini della scorta di Aldo Moro, apre la serata ed introduce l'incontro.

Ospite della serata è Giovanni Berardi, autore di "Mi raccomando?guagliò. La solitudine degli umili" e figlio di Rosario, maresciallo di Polizia, ucciso nel 1978 dalle Brigate Rosse. Quella storia umana, ambientata a Torino, racconta di un uomo delle forze dell'ordine, di un marito e padre di 5 figli, che, il 10 marzo 1978, uscendo da casa, saluta il figlio Giovanni con una frase affettuosa: "mi raccomando? guagliò".

Quel lontano giorno di marzo sarà l'ultimo in cui l'autore vedrà il padre. Il maresciallo Rosario Berardi viene infatti ucciso alla fermata del tram sotto i colpi delle Brigate Rosse. Rosario è stato vittima del terrorismo e ha pagato con la propria vita il fatto di aver svolto il proprio dovere al servizio dello Stato. Intervistato dal giornalista Giuseppe Cerfeda, Giovanni Berardi ha raccontato aneddoti di quell'epoca, sviscerando le contraddizioni del sistema italiano a più livelli e soffermandosi ad analizzare l'anomalia della resistenza dei cosiddetti "segreti di Stato", nonostante da più parti si sostenga che su determinate vicende si "sappia ormai tutto": "Se è davvero così - ha puntualizzato - non ha senso che esistano ancora i segreti di Stato".


L'iniziativa è promossa dalla Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo in collaborazione con l'associazione I presidi del Libro e con il Patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, del Comune di Botrugno e del locale Istituto comprensivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Berardi racconta suo padre, vittima delle Brigate rosse

LeccePrima è in caricamento