Commedia "Natale in Casa Cupiello" a Cavallino

  • Dove
    Teatro il Ducale
    Indirizzo non disponibile
    Cavallino
  • Quando
    Dal 17/12/2017 al 17/12/2017
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    5 euro
  • Altre Informazioni

È certamente la commedia più nota di Eduardo ed anche un classico natalizio. Ecco «Natale in casa Cupiello», commedia in tre atti che la Compagnia Teatrale «La Busacca» porterà in scena al Teatro «Il Ducale» di Cavallino domenica 17 dicembre con la regia di Francesco Piccolo, per la Stagione 2017/2018 siglata dall'Amministrazione Comunale.

In scena Francesco Piccolo (Luca Cupiello), Claudia Mancino (Concetta), Sasy Piccolo (Tommasino), Chiara Serena Brunetta (Ninuccia), Salvo Cezza (Vittorio Elia), Stefania Bocco (Pasqualina), Tony Sparascio (Nicolino), Antonella Rizzo (Rafela).            

Portata in scena per la prima volta al Teatro Kursaal di Napoli il 25 dicembre 1931, Natale in casa Cupiello originariamente era stata scritta ad atto unico (quello che, nella versione definitiva, costituisce oggi il secondo atto), ampliato successivamente in due distinte fasi nel 1932 e  nel 1934. La scena si svolge nell'arco di circa cinque giorni nella casa della famiglia Cupiello, della quale vengono rappresentate la camera da letto (atti I e III) e la sala da pranzo (atto II).

Atto I

Ore 9 del mattino di un 23 dicembre. Siamo a casa di Luca Cupiello e Concetta, la moglie di Luca, è già in piedi a sbrigare le prime faccende domestiche nella casa priva di riscaldamento, svegliando contemporaneamente il marito (celebre la battuta: Lucarie', Lucarie', scetate' songh' 'e nnove!). Dopo essersi alzato e lavato con l'acqua gelida di un catino, Luca Cupiello come ogni Natale prepara con cura il presepe; la cosa lascia indifferente la moglie Concetta, presa dai problemi familiari, e il figlio Tommasino, che con dispetto gli ripete che a lui il presepe non piace. Luca assiste inoltre ai continui litigi tra il fratello Pasqualino e Tommasino, entrambi tendenti al furtarello casalingo. Ninuccia, l'altra figlia, arriva improvvisamente a casa perché ha deciso di lasciare il marito Nicolino per l'amante Vittorio, scrivendogli una lettera d'addio. Di tutto ciò non viene detto nulla a Luca e solo Concetta, disperata, è al corrente del progetto della figlia, e, dopo un momentaneo mancamento, tanto fa che riesce a farsi consegnare la lettera. La missiva capita nelle mani di Luca che, ignaro di tutto, la consegna proprio al genero, appena arrivato a casa, che viene così a sapere del tradimento della moglie.

Atto II

Concetta, che è riuscita a far riappacificare la figlia con il marito malgrado la famigerata lettera, prepara la cena della vigilia di Natale, alla quale parteciperanno anche Ninuccia e Nicolino. Nel frattempo Tommasino torna a casa accompagnato da un amico, che in realtà è Vittorio, l'amante di Ninuccia. La situazione si complica quando, a causa dell'insistenza dell'inconsapevole Luca Cupiello, Vittorio viene convinto a rimanere a cena. Trovatisi di fronte i due rivali si scontrano violentemente. Nicolino abbandona Ninuccia e Luca, resosi improvvisamente conto della situazione, ha un malore.

Atto III

Sono passati tre giorni da quella tragica Vigilia di Natale e il terzo atto inizia con il protagonista a letto colpito da un ictus. Il medico fa chiaramente capire che si tratta di un caso disperato; Luca Cupiello riesce solo a manifestare il desiderio di far riappacificare la figlia con il genero. Ma anche questa volontà positiva aggrava ulteriormente la situazione: nel delirio finale, Luca scambia Vittorio per Nicolino e fa riconciliare involontariamente i due amanti nel momento in cui arriva a casa il genero che vede tutto. 
Tommasino, capita la gravità della situazione, gli dirà finalmente che il presepe gli piace. Tommasino, alla domanda che suo padre gli rivolge in punto di morte, «Te piace 'o presepio?» ("Ti piace ilpresepe?"), alla quale egli in precedenza aveva sempre risposto di no con stizzita protervia, finalmente si scioglie e tra le lacrime gli sussurra un laconico , proprio mentre suo padre sembra entrare nella gioiosa allucinazione di un enorme presepe nei cieli.

    Ingresso 5 euro. Orario biglietteria: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 17 alle ore 20. Infotel: 0832.611208 (durante gli orari di apertura del botteghino) – 331.6393549 (ore 17-20). Prevendite anche sul circuito  CIAOTICKETS (in allegato i punti vendita).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Laboratorio teatro e crescita personale

    • dal 15 ottobre 2020 al 27 maggio 2021
    • We Lab
  • Giovani artisti per la residenza Danzare la terra

    • Gratis
    • dal 17 al 30 maggio 2021
    • Centro Culturale Ex Macello

I più visti

  • "Otràntu": il videoclip di Anna Sabato

    • Gratis
    • dal 5 aprile al 31 dicembre 2021
    • https://youtu.be/lNJwqaGv7tA
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “I mestieri del cinema” nell’Istituto Tecnico Antonietta De Pace

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 28 maggio 2021
    • Istituto Tecnico Professionale Antonietta De Pace
  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento