Eventi

Giornata mondiale delle zone umide: domenica in bici all’Acquatina

Il giorno in cui, nel 1971, è stata firmata la Convenzione di Ramsar: per l’occasione Fiab Lecce organizza una visita alla presenza di un naturalista

Una delle escursione dei cicloamici.

LECCE  - Domenica 2 febbraio è la Giornata mondiale delle zone umide, ricorrenza del giorno in cui, nel 1971, è stata firmata la Convenzione di Ramsar: un accordo internazionale che da allora ha permesso di identificare le più importanti aree umide del mondo.

Per ricordare l'urgenza di difendere laghi, lagune, corsi d'acqua e il ruolo importante che le zone umide svolgono nel mondo, i Cicloamici di Fiab Lecce, attraverso le tranquille strade della Riforma fondiaria pedaleranno in direzione della marina di Frigole per visitare l’Acquatina, dove sarà presente un esperto naturalista dell' Università del Salento. Il bacino di acqua salmastra, separato dal mare da una lingua di terreno, riveste notevole rilevanza dal punto di vista ambientale tanto da essere inclusa tra i siti d’importanza comunitaria.

Sotto l’aspetto faunistico, il sito è luogo di sosta per gli uccelli acquatici migratori, quali gli aironi cenerini o i cormorani visibili nei mesi invernali, garzette, falchi, sterne e martin-pescatori. Al ritorno scampagnata all’interno del Bosco della Cervarola, una fitta lecceta spontanea che si estende per circa 20 ettari in un’area dichiarata di importanza comunitaria. Il ritrovo è per le 8,45, presso Porta San Biagio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata mondiale delle zone umide: domenica in bici all’Acquatina

LeccePrima è in caricamento