Giovedì, 24 Giugno 2021
Cinema

Teatro nel cinema: 3 minuti al "Don Bosco"

Tre minuti di azione scenica in cui cinema e teatro s’incontrano per far vibrare un’eco immaginale, pochi istanti prima della visione del film

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Venerdì 23 dicembre 2011 si terrà, presso il Cineteatro DB d’Essai di Lecce, l’inaugurazione della performance, itinerante nelle diverse sale cinematografiche italiane del circuito d’Essai, 3’ di teatro nel cinema d’Essai di Tiziana Dollorenzo Solari. Qualche minuto prima del ‘primo spettacolo’ previsto per la serata, interverranno l’ideatrice Tiziana Dollorenzo Solari, l’attore Simone Franco, il responsabile Bicinema Diego Solari, il maestro Carlo Carlà e la direttrice del DB d’Essai di Lecce Daniela Serafini. L’autrice propone, al pubblico in sala, tre minuti di azione scenica in cui cinema e teatro s’incontrano per far vibrare un’eco immaginale, pochi istanti prima della visione del film. La sintesi di due dimensione artistiche, il cinema e il teatro, che paradossalmente si coalizzano  per creare uno spazio all’interno del fruitore; uno spazio per pensare e accogliere nella maniera più corretta il racconto d’immagini che proviene dal grande schermo. 3’ di teatro, prima della proiezione del film in sala, rappresentano, scrive l’autrice «Un’esigenza di incontro dell’arte con l’arte, dell’arte con il pubblico; una prova di teatro nel buio di una sala che mira ad intonarsi con il cinema, con un fascio di luce, con una trama di immagini e di dialoghi».

3’minuti di teatro nel cinema d’Essai è una proposta artistico-culturale inserita all’interno dell’organizzazione Bicinema, ideata da Diego Solari, promotore ed educatore della mobilità sostenibile. Il progetto Bicinema, inaugurato lo scorso settembre, grazie alla collaborazione con il DB d’Essai di Lecce, rintraccia, nel binomio cinema-bicicletta, una possibilità di vivere il cinema con maggiore consapevolezza e di promuovere la cultura e l’arte attraverso percorsi paralleli, come l’ambiente e la sostenibilità. La ruota di una bici gira come una pellicola e traccia un sentiero d’immagini in un tempo lento. Un  tempo scandito da una pedalata che prepara e conclude la visione di un film e nel suo movimento consente alle immagini incontrate di esalare all’interno dello spettatore.

È in questo scenario che Tiziana Dollorenzo Solari, psicointerprete d’arte, performer e scrittrice d’immagini, crea la sua proposta culturale inedita che, allo stesso modo della bicicletta, ritaglia uno spazio per essere più pronti ad accogliere immagini, parole ed emozioni; un tempo in cui rispettare il cinema e con esso l’arte nelle sue diverse espressioni. Scrive l’autrice: «Una performance immaginale – archetipica che lascia liberi i contenuti, studiata nella interdisciplinarità, come preludio di uno psichismo-base per la fruizione di un film.». 3’minuti di teatro nel cinema d’Essai è un’ispirazione che, grazie alla versatilità della sua ideatrice, fonde arte e scienza,  e che si compone  di diverse operazioni artistico-culturali.

La prima di queste è la performance che vede in scenica, accompagnato dal video d’arte, Giochi d’ombra del tempo di Tiziana Dollorenzo Solari, l’artista-attore Simone Franco, voluto e richiesto per la peculiarità delle sue ricerche artistiche che tengono viva l’interpretazione esistenziale dei testi. Simone Franco infatti si caratterizza per una particolare sensibilità verso studi teatrali che vanno da Carmelo Bene, all’Odin Teatret di Eugenio Barba, sino al Living Theatre con Gary Brackett e Tom Walker. Egli si distingue per la libertà nei movimenti interpretativi e nell’uso originale della voce, accompagnata da una forte dimensione corporea sulla scena, rimanendo singolarmente contagiato dallo sfondo artistico delle immagini di un testo.

Il video-opera è lo studio e l’approfondimento dello sguardo dell’autrice sugli ingranaggi di una costruzione intitolata ri-ciclo, dell’artigiano-maestro Carlo Carlà, costruttore di biciclette molto noto in ambito ciclistico. Un video consonante col Bicinema; un video sintesi spazio-temporale di un mondo immaginale che, attraverso reminiscenze di una bicicletta ci conduce verso lo scandirsi di un ritmo ancestrale, cardiaco e inesorabile. Accanto al video è il tempo il nucleo attorno al quale si costruisce l’atto performativo; un tempo che l’autrice considera «[…] un canovaccio-testo in divenire che coniuga i più importanti temi della vita con i suoi enigmi». Un tempo preciso e limitato come è quello di una performance e di una pedalata; un tempo che invita alla concentrazione e ci concede un approfondimento. Scrive l’autrice: «Una performance sfida i contenuti, le immagini e le configurazioni attraverso la compressione simbolica. […] Quindi, una prova di sforzo performativo sulle durate; come un film ha una durata, un’emozione ha una durata, una storia, un punto di vista, un’immagine, hanno una durata. L’arte, quando si interroga e guarda più in profondità, scopre i limiti e l’eternità del tempo».

Il secondo intervento artistico-culturale è la creazione di manifesti d’arte a tiratura limitata, realizzati dall’autrice e curati dalla Casa Editrice “léndaro G. càmiless &dizioni clandestine”, che costituiranno una mostra itinerante attraverso i cinema d’Essai. Ogni singolo manifesto-opera, numerato e firmato dall’autrice, cambierà nella fotografia estratta dal video d’arte, in ogni sala cinematografica che ospiterà la performance. Inoltre è previsto un ciclo di seminari, che si terrà nei cinema ospitanti, nei quali si affronteranno, attraverso il dibattito con l’autrice (Tiziana Dollorenzo Solari) e l’attore (Simone Franco) questioni relative al cinema, al teatro, all’arte contemporanea, alla psicoanalisi etc.

3’ di teatro nel cinema d’Essai rappresenta, dunque, un inedito progetto interdisciplinare per tutte le sale cinematografiche d’Essai, scelte intenzionalmente per l’identità culturale da esse rappresentata e per l’alto livello artistico delle loro attività. Una sintesi  tra cinema e teatro, e ancor di più tra le arti e le scienze, che possa stimolare la creatività individuale e sensibilizzare i fruitori verso l’arte cinematografica.  Scandire un ritmo preciso, in un spazio-tempo limitato, accende l’attenzione di un pubblico eterogeneo, molto spesso testimone passivo di una sequenza di parole-immagini che purtroppo non trovano né luogo né tempo nella accelerazione collettiva delle esistenze.

 

Responsabile Bicinema

Diego Solari

Cell. 345.9236635

stazionebicinema@gmail.com

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro nel cinema: 3 minuti al "Don Bosco"

LeccePrima è in caricamento