rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cinema

Torna "Apulia Horror international film festival"

In Puglia il festival cinematografico dedicato interamente al genere horror con un programma ricco di proiezioni, omaggi, dibattiti, body painting e il concorso internazionale di cortometraggi e lungometraggi. Il festival dedica la sua quarta edizione ai mostri marini

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

GALLIPOLI - Torna dal 23 al 25 giugno "Apulia Horror International film festival" presso la galleria dei Due Mari a Gallipoli. L'Apulia Horror International Film Festival (AHIFF) torna ad animare le sale della Galleria dei due Mari che fin dal primo anno si è rivelata la casa ideale del festival, confermando il prezioso contributo del Comune di Gallipoli. La manifestazione, inoltre, è realizzato con il supporto di Caroli Hotels e la collaborazione di Filmfreway, Nocturno, Quasi Cinema, La Bottega del Cinema, Ore d'orrore, Università del Salento – DAMS e la rete dei festival partner Monsters Taranto Horror Festival e Italian Horror Fantasy Festival. Il Festival, ideato e organizzato dall’associazione GIRASUD con la direzione artistica di Francesco Corchia e Andrea Cavalera, aprirà le sue giornate giovedì 23 giugno alle 18.00 con i saluti istituzionali alla presenza del sindaco del Comune di Gallipoli Stefano Minerva, di Corrado Venneri, Presidente Commissione Turismo; e degli ospiti che arricchiranno il programma del Festival. Mostri Marini Il tema scelto per la 4° edizione di Apulia Horror International Film Festival sono i mostri Marini, figure straordinarie che nei secoli pullulano nell'immaginario collettivo trovando posto nei miti, nelle leggende, nei racconti letterari fino a immergersi nel grande schermo cinematografico, come racconterà Luca Bandirali (Professore presso l'Università del Salento – DAMS) nella Masterclass dedicata. I Film scelti per questa sezione provengono dalla storia del cinema come Il mostro della laguna nera di Jack Arnold (1954) e Piraňa di Joe Dante (1978), film che hanno spaventato e divertito intere generazioni di spettatori. Il festival, sempre attento a intercettare il cinema contemporaneo e internazionale presenterà per l'occasione The Host (2006) del regista coreano e pluripremiato Bong Joon-Ho. A introdurre le pellicole e accompagnare gli spettatori nei segreti più profondi del mare sarà Roberto Silvestri (critico cinematografico, fondatore ed ex direttore di Alias – Il Manifesto e autore di diversi volumi sul cinema) Piccoli Brividi nel paese delle meraviglie. Paure e piccoli mostri abitano da sempre il mondo dei piccoli, veri costruttori di mondi a cui scrittori e animatori hanno dedicato numerose opere. Per questo motivo AHIFF dedica uno spazio al mondo dell'animazione in chiave horror, dal titolo Piccoli brividi nel mondo delle Meraviglie, così da avvicinare grandi e bambini al mondo del cinema e affrontare certe paure grazie al mondo dell'animazione. Ad accompagnare gli spettatori in questo mondo straordinario sarà Mariuccia Ciotta (critico cinematografico, ex direttore del quotidiano Il Manifesto, autrice di programmi televisivi e di numerosi libri sul cinema) che per l'occasione presenterà, dialogando con Luca Bandirali, la nuova edizione del suo libro Walt Disney. Prima stella a sinistra (La nave di Teseo). Il libro, con un introduzione del regista John Landis, indaga uno dei personaggi più importanti e controversi del secolo scorso. Disney, infatti, non solo ha creato alcuni dei personaggi più iconici e importanti del Novecento, ma è tra i grandi esponenti dell’avanguardia artistica del secolo scorso. Il Contest di Body painting Apulia Horror International Film Festival è il primo festival in Puglia a organizzare un Contest dedicato all'arte e alla tecnica del Body painting. Fin dalla prima edizione il festival ha accolto numerosi artisti, tecnici e professionisti del make up e degli effetti speciali che si sono sfidati nell'utilizzo delle tecniche più particolari (dal pittorico all'aerografo) per realizzare e dare vita ai mostri del cinema horror. Il Contest di quest'anno, curato da Miriam Imbrogno (truccatrice e curatrice del dipartimento trucco ed effetti speciali del festival), sarà incentrato sul tema del Festival, i Mostri Marini. Artisti e professionisti insieme alle loro modelle creeranno i mostri marini più originali a cui sarà assegnato un premio per l'idea e la tecnica migliore. A decretare i vincitori sarà la giuria composta da Ida Collabolletta, Miriam Imbrogno e Giuseppe Leanza. Il Concorso internazionale di cortometraggi e lungometraggi. Il cuore pulsante di Apulia Horror International Film Festival è il concorso internazionale di cortometraggi e lungometraggi a tema noir, thriller e Sci-fi specificatamente horror.

Sono 14 i film selezionate su oltre 100 opere provenienti da tutto il mondo tra Stati Uniti, Spagna, Giappone, Francia, Inghilterra e Italia. Tra le inquietudini più profonde del genere umano, le opere riescono a far emergere temi sociali contemporanei legati all'uso sempre più eccessivo dei nuovi sitemi di comunicazioni social, delle App e degli Smartphone come nel corto #NOFILTER di Nathan Crooker (USA) che affronta il problema sempre crescente del Disturbo da Dismorfismo Corporeo. Beth è una ventenne insicura che è ossessionata da un filtro di un App insidiosa che la porta a mettere in discussione la vera bellezza.

Il corto è un ammonimento per tutti coloro che sono ossessionati dai "Mi piace", dall'essere impeccabili e pensando che in qualche modo i social media siano il magico toccasana per la felicità. La ricerca continua di storie e immagini su Instagram da parte della giovane protagonista del corto DYSTOPIA di Laura Ugolini (NORVEGIA) crea il terreno di gioco per una banda di donne spietate che cerca di creare l'uomo perfetto, un arto alla volta. Il periodo della pandemia e del lockdown hanno creato una bolla di solitudine, dove sempre più persone isolate hanno creato un proprio mondo di paure come per la protagonista di BLUE del regista spagnolo Pedro Morata. La ragazza trascorre le sue giornate da sola a casa. Annoiata e intrisa di monotonia, le giornate passano senza nulla da evidenziare, finché un giorno sente una strana presenza all'interno della casa.

Tra le 14 opere selezionate saranno due i lungometraggi che si contenderanno il Premio per il miglior lungo: l'italiano Dead Bride di Francesco Picone e lo spagnolo Capitan Carver di Evgeny Yablokov. Francesco Picone, nel suo Dead Bride, gioca con le forme e gli elementi classici del cinema horror creando una storia fatta di vendetta e possessioni. Alyson torna dopo molti anni nella casa della sua infanzia, lasciatagli in eredità dal suo vero padre. Quando Alyson aveva circa 9 anni, fu data in adozione in seguito alla caduta nella follia della madre. Tonata nella casa Alyson inizia a scoprire alcuni segreti oscuri nascosti nel passato della sua famiglia. Capitan Carver, di Evgeny Yablokov, ritrae la mascolinità tossica attraverso la storia di Ernesto, un uomo che di notte indossa le vesti di Carver e pattuglia il suo quartiere. Un giorno, una ragazza misteriosa gli chiede di dare la caccia allo spacciatore che ha ucciso suo fratello.

Da quel momento in poi, la vita del super eroe diventa sempre più caotica fino a rendere impossibile distinguere tra reale e immaginario. Ai film e corti in concorso saranno assegnati: il Premio miglior lungometraggio, il Premio miglior cortometraggio, il Premio della critica, il Premio DAMS e il Premio del pubblico. Insieme ai premi del festival, Ore d'Orrore consegnerà il Premio Nottola a un cortometraggio o a un lungo in concorso. I Film Fuori concorso. Durante le giornate del festival saranno presentati, fuori concorso, il lungometraggio La casa del Sabba di Marco Cerilli e il corto Spectrum di Franz Padula che giocando tra animazione e computer grafica racconta la straordinaria storia di Prippo e del suo magico villaggio. Prippo, giovane menestrello, tiene unito e al sicuro il suo villaggio con la magia della sua musica. Un giorno una maledizione da un universo lontano colpisce Prippo, lasciando il giovane insensibile a qualsiasi stimolo. Per salvare lui e il villaggio, i suoi amici devono aiutarlo ad affrontare una battaglia dai confini sconosciuti e misteriosi.

La casa del Sabba racconta la storia di Robert Santana, famoso scrittore italoamericano di romanzi dell’orrore che decide di trascorrere alcuni giorni in una vecchia casa abbandonata vicino al mare, in Puglia. Una fama sinistra aleggia su quei luoghi a causa dei fatti inquietanti accaduti anni prima e di uno strano video che circola in rete. La memoria della casa inizia a manifestarsi con allucinazioni che lo scrittore annota come spunti per il suo romanzo. Conosce poi alcuni abitanti della zona che gli raccontano la storia di una setta giunta sul posto negli anni Settanta per edificare un tempio dedicato al culto satanico. Lo scrittore scoprirà presto che la setta continua ad esistere. Il film evento sarà presentato dal regista Marco Cerilli, il produttore Luigi Pastore e dell'attore protagonista Marco Aceti (famoso per Notte prima degli esami di Fausto Brizzi, Karate Man di Claudio Fragrasso e Lettera h di Dario Germani) INGRESSO LIBERO. Per info: 3282131389 - www.apuliahorror.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna "Apulia Horror international film festival"

LeccePrima è in caricamento