Domenica, 25 Luglio 2021
Cinema Centro

Apre il Festival del cinema europeo: le mostre, i film, i nuovi talenti

La XIV edizione - diretta da Alberto La Monica e Cristina Soldano - si terrà a Lecce a partire da questa sera, fino al 13 aprile presso il Multisala Massimo. Due le sezioni dedicate al regista finlandese Aki Kaurismäki e a Francesca Neri

LECCE - E' stata presentata questa mattina nella sala Pignatelli del Castello Carlo V di Lecce, la quattordicesima edizione del Festival del Cinema Europeo, in programma al Multisala Massimo di Lecce dall'8 al 13 aprile. A fare gli onori di casa il sindaco di Lecce Paolo Perrone, giunto insieme al presidente della Provincia Antonio Gabellone. Sono inoltre intervenuti Silvia Godelli, assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo Regione, Antonella Gaeta, presidente Apulia Film Commission, Cristina Soldano, direttore artistico e Alberto La Monica direttore del Festival.02-20-9

La pellicola che questa sera apre il festival è "Il pasticcere", di Luigi Sardiello e interpretato da Antonio Catania, Rosaria Russo, Ennio Fantastichini, Sara D'amario, Ivan Zerbianti, Antonio Stornaiolo e Silvana Bosi.

Un Comitato dei Garanti, composto da  Krzysztof Zanussi, Citto Maselli, Morando Morandini, Gianni Volpi ,  ha il compito di certificare la qualità e la validità culturale della manifestazione. A quattordici anni dalla nascita, il  Festival del Cinema Europeo  si conferma una manifestazione al passo con i tempi, che guarda ai grandi eventi culturali dell’Europa e del Mediterraneo e particolarmente attenta al dialogo interculturale.  Festa della cultura europea e mediterranea , diffonde annualmente circa 100 film  tra lungometraggi, corti e documentari provenienti da numerosi  Paesi Europei , con un canale di dialogo privilegiato con i giovani artisti. La selezione delle opere proposte nelle varie sezioni mette in evidenza la presenza di registi di notevole talento, poco conosciuti al grande pubblico, ma assolutamente maturi da un punto di vista artistico e formale.

In questa XIV edizione, al regista finlandese Aki Kaurismäki è dedicata la sezione I Protagonisti del Cinema Europeo, mentre a Francesca Neri  è dedicata quella I Protagonisti del Cinema Italiano.

Molti gli omaggi che il Festival del Cinema Europeo tributa quest’anno: nel nome di Emidio Greco,regista presente a tutte le edizioni della manifestazione, di cui era uno dei Garanti, insieme al Centro Nazionale del Cortometraggio e d’intesa con la sua famiglia, viene istituito da questa edizione il Premio Emidio Greco, rivolto a un giovane autore italiano per il suo talento nella realizzazione di un cortometraggio; a dieci anni dalla scomparsa di Ferdinando Di Leo, il regista di San Ferdinando di Puglia, viene proposta una rassegna dei suoi film più rappresentativi promossa dal Festival del Cinema Europeo, dalla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia e dalla Minerva Pictures; Pietro Mennea, scomparso prematuramente lo scorso 21 marzo, viene ricordato attraverso la proiezione in anteprima del docu-film, “Diciannove e Settantadue” di Sergio Basso,  che racconta la storia del primatista Mondiale e medaglia d’Oro Olimpica dei 200 metri. Come di consueto, si tiene la consegna del Premio Mario Verdone, istituito quattro anni fa in onore di Mario Verdone. La manifestazione salentina, accanto al Concorso di Lungometraggi Europei e agli omaggi, ospita spazi di approfondimento con incontri e convegni, una Sezione sulla cinematografia di un Paese dell’area Mediterranea dedicata quest’anno al Cinema Israeliano e Sezioni riservate a cortometraggi e adocumentari, che rappresentano un percorso di ricerca di nuovi temi e nuovi linguaggi audiovisivi.

La programmazione dei film e degli eventi legati alla manifestazione sul sito del Festival del Cinema Europeo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre il Festival del cinema europeo: le mostre, i film, i nuovi talenti

LeccePrima è in caricamento