Alberto Nardelli per I concerti del Conservatorio alla Fondazione Palmieri

  • Dove
    Fondazione Palmieri
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 21/02/2020 al 21/02/2020
    20:30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Venerdì 21 febbraio (ore 20.30 - ingresso libero) alla Fondazione Palmieri (Chiesa di San Sebastiano) di Lecce, con l'esibizione del giovane fisarmonicista Alberto Nardelli prenderanno il via "I concerti del Conservatorio".

La stagione concertistica 2019/2020 del Conservatorio di Musica "Tito Schipa" di Lecce - Istituto di Alta Cultura del Miur (settore Alta Formazione Artistica e Musicale italiana), realizzata con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia e Comune di Lecce e in collaborazione con Arcidiocesi, Fai e Caritas di Lecce e Fondazione Palmieri, proseguirà sino al 21 giugno con altri otto concerti.

Con la sua fisarmonica “Bayan”, il musicista pugliese (vincitore del Premio delle arti 2019, riservato agli studenti iscritti alle Istituzioni ed ai corsi accreditati dell'Alta Formazione Artistica e Musicale) eseguirà composizioni di Johan Sebastian Bach, Alexander Cholminow, Vladislav Solotarev, Frank Angelis, Jurgen Ganzer, Wjacheslav Semionov.

Un concerto di fisarmonica “Bayan” è un evento più unico che raro, soprattutto se usciamo dal campo del folklore per addentrarci non tanto nel “classico” quanto nel “nuovo musicale”. “Nuovo” che singolarmente sembra combaciare con l’offerta timbrico sonora dello strumento, paragonabile solo a quella dell’organo o a quella delle più sofisticate apparecchiature elettriche. Alberto Nardelli il “nuovo” lo va cercando anche al di fuori della culla dell’Occidente, in Finlandia, in Ucraina e in Russia. È tramontato il monopolio delle avanguardie storiche e anche in confini di genere tra classicità e sperimentalismo, neofolklore e consumo si vanno cancellando, non da ultimo ad opera di uno strumento emergente come la fisarmonica - nel caso specifico di Alberto Nardelli, del Bayan - transculturale per vocazione.

“Il Bayan è uno strumento nuovo, un tipo particolare di fisarmonica che è nato appena un secolo fa, e non ha ancora acquisito, nel dominio della musica d’arte, una compiuta e riconoscibile identità", sottolinea il fisarmonicista Germano Scurti. "Non è necessariamente un male, anzi: uno dei vantaggi è che non si è ancora cristallizzato, intorno allo strumento, quell’insieme di gesti, pratiche, atteggiamenti che in altri casi, a volte, condizionano sia la scrittura che l’interpretazione. La sua origine, fortemente radicata nella tradizione popolare e suoi sviluppi negli ultimi decenni nella musica colta contemporanea vanno proprio a definire questo suo carattere duplice: essere uno strumento predisposto all’inedito e al tradizionale allo stesso tempo, una marcatura che lo rende inconfondibile. La sua forza evocativa in sostanza sembra in grado di produrre negli ascoltatori stimoli percettivi e immaginative immediati e intelligibili, anche a fronte della musica più ostica dal punto di vista dell’ascolto”.

 

Alberto Nardelli, nato a Grottaglie, in provincia di Taranto, nel 1998, frequenta l'ultimo anno del triennio al Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce con il Maestro Germano Scurti. È vincitore di diversi concorsi nazionali e internazionali di musica classica. Nel 2015 si esibisce con l'orchestra “ICO T. Schipa di Lecce” per un concerto sinfonico di Shostakovich. Ha partecipato a diversi festival: “Ascoli Piceno Festival”, “Magliano ti amo”, “il Sallentino Festival”, “Arabian Teras festival” facendo coppia sul palco con Mietta invitata come ospite, e tanti altri. Nel 2017 viene selezionato per rappresentare l’Italia (ottenendo il 4° posto) al prestigioso concorso mondiale “Trophée Mondial de l’accordéon” nella categoria “Masters” tenutosi in Francia. Nel 2018 si aggiudica nuovamente il 4 posto al concorso più prestigioso e ambito nel panorama mondiale della fisarmonica “71st Coupe Mondiale” a Kaunas (Lituania) nella categoria “Masters Coupe Mondiale”. Nel 2019 vince “Italia Award 2019” concorso internazionale fisarmonicistico. Nello stesso anno vince la XIV edizione del Premio Nazionale delle Arti nella sezione interpretazione musicale - sottosezione fisarmonica, al conservatorio di musica “L. Perosi” di Campobasso (sede designata dal Miur). La sua combinazione di talento, musicalità e presenza entusiasma il pubblico che lo ascolta. Vari sono i teatri in cui ha suonato: Teatro Apollo di Lecce, Teatro Campana di Osimo(AN), Cineteatro Louletano (Loulé - Portogallo), Teatro Tarentum di Taranto, solo per citarne alcuni. Ha seguito inoltre corsi di perfezionamento con i maestri di fama internazionale: Lips, Vasovic, Flammini, Feniuk, Maric, Pitocco. Attualmente è in preparazione per affrontare i diversi concorsi più prestigiosi internazionali e mondiali per fisarmonica e tiene, inoltre, un’intensa attività concertistica solistica e cameristica.

La rassegna proseguirà con tre appuntamenti di "Buon compleanno Ludwig", per celebrare i 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven, con le esibizioni dell'Orchestra di fiati del Conservatorio con arrangiamenti di Massimo Greco e la direzione di Giovanni Pellegrini (12 marzo alle 20:30 al Teatro Apollo di Lecce), dell'Ensemble da Camera del Conservatorio (29 marzo alle 20:30 alla Fondazione Palmieri) e della pianista Maria Grazia Lioy (3 aprile alle 20 nell'Auditorium del Conservatorio). Domenica 19 aprile alle 10 nell'Abbazia di Santa Maria di Cerrate appuntamento con la Santa Messa in Canto Gregoriano della Schola Gregoriana “Cum Jubilo” diretta da Patrizia Durante. Giovedì 23 aprile alle 20:30 al Teatro Apollo appuntamento con L'impresario in angustie di Domenico Cimarosa per la regia di Francesca Rollo con l'Orchestra del laboratorio d'archi del Conservatorio diretta da Franceco Muolo. Il 30 aprile alle 20 nell'Auditorium del Conservatorio si celebrerà l'Unesco Jazz Day con la serata "Sulle strade del Jazz" coordinata da Luigi Bubbico. Venerdì 22 maggio ore 20:30 nella Chiesa di Sant'Irene l'Orchestra di archi del Conservatorio con i pianisti Corrado De Bernart, Valentina Parentera, Carlo Scorrano, Valeria Vetruccio proporrà Bach-abend. Ultimo appuntamento il 21 giugno alle 21, in occasione della Festa Europea della Musica, negli spazi della Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce con la proiezione dei lavori selezionati dall'Anamòrphosis Audiovisual Competition che conclude la prima edizione dell'Anamòrphosis International Film Festival, progetto cross-mediale promosso dal Conservatorio, con la direzione artistica dei docenti Giulio Colangelo e Cesare Saldicco e la direzione tecnica del Dipartimento di Musica Elettronica (LEDE).

I concerti sono tutti a ingresso libero sino a esaurimento posti

Conservatorio di Musica Tito Schipa
via Vincenzo Ciardo - Lecce
Tel 0832344267
Responsabile Comunicazione e Pubbliche Relazioni
Prof.ssa Maria Eugenia Congedo
Mail: pubblicherelazioni@conservatoriolecce.it - 349 8422913

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Come un matto, singolo d'esordio del duo salentino Yorker

    • dal 12 al 30 novembre 2020
  • “Ripartire con te” del cantautore salentino Stefano Scorrano

    • dal 20 al 30 novembre 2020
  • "La Giostra", il nuovo disco dei pugliesi Kërkim

    • dal 24 ottobre al 31 dicembre 2020

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • “Progettando il territorio”: cronache del Collegio dei Geometri

    • dal 4 al 30 novembre 2020
  • Inaugurazione della mostra Home Landscape di Level project

    • dal 24 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • ex chiesa di San Francesco della Scarpa
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento