Dolmen Festival con Cantiga de la Serena

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
    Minervino di Lecce
  • Quando
    Dal 31/08/2020 al 31/08/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Il Comune di Minervino di Lecce organizza il Dolmen Festival, un progetto di promozione del territorio legato alla presenza del Dolmen Li Scusi” nel territorio, ritenuto uno dei più significativi e affascinanti tra le omologhe testimonianze in terra salentina.

Il Festival – con la direzione artistica di Fredy Franzutti – propone un programma di danza e musica con l’obiettivo di diffondere la cultura delle energie e di tutte le filosofie scaturite da un rapporto con aree geologiche definite energetiche. Si articola in due serate successive ospitate nella centralissima Piazza Sant’Antonio.

Lunedì 31 protagonisti saranno i musicisti della Cantiga de la Serena” con il concerto La fortuna

 

Nello spettacolo Miti in scena del Balletto del Sud, i personaggi dellOlimpo, le leggende degli eroi, gli incantesimi e le metamorfosi divengono quadri danzati e interpretazioni teatrali in una rappresentazione definita accattivante e colta, che presenta balletti tratti dal repertorio classico, ricostruiti nei costumi e nello stile, e coreografie a tema” create da Franzutti.

Il programma, che alterna quadri emozionali ed evocativi a brani di brillante virtuosismo, si compone di interventi di danza, musica e teatro. Partecipano allo spettacolo l'attore Andrea Sirianni – impegnato nellinterpretazione di testi di Giovan Battista Marino, il monologo dell'Aiace di Sofocle, l'Ulisse, avvolto dalle fiamme, tratto dal XXVI canto dell'Inferno di Dante e la celebre poesia Itaca” di Kostantinos Kavafis – e l'attore Donato Chiarello che introduce il mito.

 

La Cantiga de la Serena è un ensemble di musicisti e ricercatori del sud Italia (Puglia – Salento) che da anni si dedica al recupero ed alla rielaborazione della musica antica e tradizionale del bacino del Mediterraneo, vero e proprio ponte culturale tra Occidente e Oriente.

Un viaggio millenario nella musica tra i ritmi ipnotici ed incantatori della tarantella del sud Italia, le ammalianti melodie ebraiche, la devozione dei pellegrini cristiani, la raffinata tecnica improvvisativa del maqam arabo, i tempi dispari della musica mediorientale e balcanica.

Un esempio importante di come diverse culture e religioni possano convivere pacificamente e sopravvivere nei secoli attraverso lesperienza musicale e, al tempo stesso, la testimonianza di un'epoca in cui le tradizioni musicali appartenenti a popoli differenti si mescolavano e arricchivano a vicenda in maniera naturale.

La Cantiga de la Serena esegue questo repertorio utilizzando strumenti che appartengono a culture musicali diverse.

 

«Il Dolmen Festival è un progetto – spiega il sindaco di Minervino di Lecce Ettore Caroppo – che in divenire, nelle prossime edizioni, sarà ampliato nel numero di appuntamenti e nella durata, ed avrà anche incontri con specialisti sia del campo dell'archeologia che di quello delle energie con l'obiettivo di concorrere alla valorizzazione e alla promozione dell'importante sito archeologico»

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • "La Giostra", il nuovo disco dei pugliesi Kërkim

    • dal 24 ottobre al 31 dicembre 2020
  • "Canoni e ricercari": terzo disco del bassista leccese Massimo Pinca

    • dal 21 ottobre al 31 dicembre 2020
  • “Ripartire con te” del cantautore salentino Stefano Scorrano

    • dal 23 novembre al 15 dicembre 2020

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • Inaugurazione della mostra Home Landscape di Level project

    • dal 24 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • ex chiesa di San Francesco della Scarpa
  • La storia di Lecce si racconta attraverso i giornali salentini

    • dal 25 novembre al 25 dicembre 2020
    • Convitto “G. Palmieri”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento