Koreja presenta il pianoforte a quattro mani di Beethoven

  • Dove
    Cantieri Teatrali Koreja
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 19/01/2017 al 19/01/2017
    20:45
  • Prezzo
    Ingresso intero euro 10 - ridotto (under 30 - over 60) euro 8 - Studenti Conservatotio "Tito Schipa", Unisalento, Accademia Belle Arti rid. ADISU euro 4 –
  • Altre Informazioni

        

Giovedì 19 gennaio alle ore 20.45 Koreja ospita IL PIANOFORTE A QUATTRO MANI DI BEETHOVEN, l’evento realizzato nell’ambito della rassegna musicale organizzata da Eraldo Martucci e Mariella Agostinacchio in collaborazione con l’Associazione Seraphicus, l’Associazione Nireo e la Classe di Musica da Camera del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce con docente il Maestro Francesco Libetta.

Costituita a settembre del 2016, la neonata Associazione Seraphicus è formata da musicisti giovanissimi, tutti allievi o ex allievi del Conservatorio ‘Tito Schipa’ di Lecce, con l’obiettivo principale di favorire e promuovere la diffusione della cultura musicale, a tutti i livelli e in ogni suo aspetto, creativo, interpretativo e storico-critico, con particolare riguardo alla preparazione ed al sostegno dei giovani musicisti. In questo senso si adopera per offrire ai giovani la possibilità di esibirsi in molteplici formazioni, facilitandone il contatto con il pubblico e favorendone la presenza musicale attiva all’interno di differenti eventi artistici, letterari, storici e sociali a cui l’Associazione è invitata a partecipare o che essa stessa organizza.

Non ci sarebbe stata la veicolazione della musica, con l’irruzione del Romanticismo nella prima metà del XIX secolo, senza l’artificio della trascrizione, capace di far trasmigrare ogni composizione da una compagine o da uno strumento ad un altro strumento, spesso e volentieri il pianoforte. Furono soprattutto le sinfonie a essere arrangiate al pianoforte per essere eseguite da un interprete o, ancora meglio, da due interpreti. Come nel caso di Beethoven, di cui l’Ensemble Seraphicus, composta da giovanissimi talenti salentini, eseguirà le prime due Sinfonie nella riduzione per due pianoforti a quattro mani e strumenti solisti. Ai pianoforti ci saranno: Emanuele Balsamo, Alessandra Gallo, Alessandro Licchetta, Giorgio Manni, Sara Metafune, Andrea Rucco, Andrea Sequestro, e Nicoletta Vaglio. Al fagotto Mirco Della Rocca, al violoncello Eleonora Fullone, all’oboe Marco Margarito, al flauto Chiara Rucco e alla chitarra Daniele Zazzaro. Direttori saranno Lorenzo Baglivo e Silvia Susan Rosato Franchini.

La Sinfonia n. 1 in do maggiore Op. 21, fu composta da Ludwig van Beethoven fra il 1799 e 1800 e fu eseguita per la prima volta il 2 aprile del 1800 al Burgtheater di Vienna.

Nel tempo che trascorse tra gli abbozzi, subito interrotti, di una prima composizione sinfonica e il completamento della prima sinfonia, la principale preoccupazione di Beethoven fu di elaborare, più che una tecnica di scrittura, una strategia compositiva che permettesse di contenere tutta la ricchezza delle sue idee all'interno dell'architettura classica. Il compositore procedette infatti con uno sdoppiamento di piani che si sarebbe rivelato decisivo lungo tutta l'evoluzione del suo linguaggio orchestrale: la grammatica profonda della sinfonia rispetta i canoni del linguaggio classico, mentre in superficie l'accumulo incessante dei materiali produce la sensazione di un fluire ininterrotto, irregolare, tale da aprire l'organismo chiuso della sinfonia a ogni sorta di invenzione e di improvvisazione.

La Sinfonia n. 2 in re maggiore Op. 36 di Ludwig van Beethoven, fu composta fra il 1800 e 1802, ed eseguita il 5 aprile 1803 al Theater an der Wien di Vienna diretta dal compositore. Il manoscritto originale è andato perduto. Tra la primavera e l'autunno del 1802, Beethoven passò diversi mesi ad Heiligenstadt, (oggi, è uno dei quartieri settentrionali del distretto di Döbling di Vienna; ma all'epoca era una località di campagna, nella quale recarsi d'estate in villeggiatura) dove portò a termine la Sinfonia.  Beethoven utilizza per la prima volta un sapore eroico che verrà maggiormente ripreso nelle sinfonie successive. Tuttavia non va dimenticato che si tratta degli anni della scoperta della malattia che lo porterà alla sordità; ecco quindi come i contrasti, sia ritmici che melodici, senza tralasciare quelli metrici, sono ora spia della romantica "sofferenza" dell'autore.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Castello di Gallipoli presenta "I martedì della Taranta"

    • dal 28 luglio al 29 settembre 2020
    • Castello
  • Posia concert a San Foca

    • dal 27 agosto al 30 settembre 2020
    • San Foca
  • Rachele Andrioli e Rocco Nigro per Posia concert

    • solo domani
    • 20 settembre 2020
    • Posia Luxury Retreat & Spa a San Foca

I più visti

  • “Clown”: la mostra di Franco Baldassarre

    • dal 20 giugno al 30 settembre 2020
    • Castello Aragonese
  • Pranzo e cena in agriturismo

    • Gratis
    • dal 20 febbraio al 31 ottobre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • La mostra di Pietro Guida al Castello di Copertino

    • dal 14 luglio al 19 settembre 2020
    • Castello di Copertino
  • Cena in un agriturismo salentino

    • Gratis
    • dal 19 giugno al 30 settembre 2020
    • agriturismo santa chiara
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccePrima è in caricamento