Muffx all'Istanbul Cafè di Squinzano

  • Dove
    Instanbul cafè
    Indirizzo non disponibile
    Squinzano
  • Quando
    Dal 06/01/2018 al 06/01/2018
    22.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Sabato 6 gennaio (ore 22.30 - ingresso a pagamento) all'Istanbul Cafè di Squinzano, in provincia di Lecce, serata dedicata al rock psichedelico con due band da non perdere: i campani TomBosley, attivi sulla scena da circa 15 anni, e i salentini Muffx che presenteranno il loro ultimo concept album, L'ora di tutti, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Maria Corti. La serata sarà arricchita dalle opere di Benedetta Del Coco ePaola Tundo.

"L'ora di tutti" è il quarto lavoro in studio dei salentini Muffx, uscito per Blackwidow records. La band guidata dal cantante e chitarrista Luigi Bruno (leader della Mediterranean Psychedelic Orkestra, fondatore del Collettivo Sbam e della Ill Sun Records e ideatore della Sagra del Diavolo) e completata da Alberto Ria (batteria), Mauro Tre(tastiere e synth) e Ilario Suppressa (basso), propone un concept album strumentale liberamente ispirato all’omonimo romanzo (uscito nel 1962 per Bompiani) di Maria Corti ambientato durante l'invasione Turca nel 1480 a Otranto.

Registrato interamente in presa diretta al Go Down Studio a Savignano sul Rubicone (Emilia Romagna), mixato da Alberto Callegari all’Elfo Studio di Piacenza e masterizzato dal produttore Riccardo Rinaldi all’Ohm Guru Studio di Bologna, l’album rispetta le radici compositive della band: cavalcate energiche, riff magniloquenti, aperture psichedeliche, tempi dispari e fascinazioni cinematografiche. A differenza dei lavori precedenti è strutturato in una suite composta da quattro brani strumentali - Un'alba come tante, Vengono dal mare, Ottocento e Bernabei (tutti della durata di circa dieci minuti) - suonati dal vivo in studio senza interruzioni o aggiustamenti postumi.

Sanguigno, crudo, rispecchia pienamente la dimensione live della band che va dritta al sodo senza fronzoli o forzatura. Il sound richiama volutamente le atmosfere progressive rock italiane degli albori, come a voler omaggiare le band dalle quali prendono ispirazione come: Goblin, Caravan, Le Orme, Biglietto Per L’inferno.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Disco&Feste, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Otràntu": il videoclip di Anna Sabato

    • Gratis
    • dal 5 aprile al 31 dicembre 2021
    • https://youtu.be/lNJwqaGv7tA
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “I mestieri del cinema” nell’Istituto Tecnico Antonietta De Pace

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 28 maggio 2021
    • Istituto Tecnico Professionale Antonietta De Pace
  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento