Concerti

Terzapagina. Tributo a Bennato, rock alternativo e suoni originali a Cutrofiano

Prosegue la programmazione del Jack'n Jill Music live pub in collaborazione con Ude tra live, giochi e serate divertenti: stasera tributo al cantautore napoletano, mentre giovedì spazio a Le Carte, Parsec e I misteri del sonno

CUTROFIANO - Prosegue la programmazione del Jack’n Jill Music Live pub di Cutrofiano, organizzata in collaborazione con Ude, tra live, giochi e serate divertenti. Stasera (ore 22.30 - ingresso gratuito) appuntamento con Seconda stella a destra, il tributo originale al cantautore napoletano Edoardo Bennato, con sonorità acustiche, pop, reggae e rock.

Giovedì 20 febbraio (ore 22.30 - ingresso gratuito) serata dedicata a due delle migliori realtà della scena rock salentina. Sul palco si alterneranno Le Carte, che presenteranno i brani di 100, disco prodotto dall'etichetta salentina Rivolta Records, e I misteri del sonno, dei giovani ragazzacci salentini - come li ha definiti Piero Pelù - che propongono un potente rock italiano. In apertura spazio ai Parsec.

Le Carte nascono nel 2007, l'anno dopo registrano il loro primo demo e nel 2009 il primo album "Il Regista". Scelti per il programma televisivo Sala Prove di Rock Tv (Sky), spazio dedicato solo alle migliori band emergenti, ricevono critiche positive e vengono invitati a suonare come ospiti durante l’esame della rock tv school. Tornano in studio per registrare il loro secondo disco "Finti eroi”. Nel 2010 Le Carte vengono selezionati fra le 30 band finaliste (su 3600 provenienti da tutta Italia) per l’Heineken Jammin festival contest (Band emergenti) che vincono piazzandosi in cima alla classifica della giuria e conquistando così il main stage del Festival di Venezia. In questa importante occasione dividono il palco con Stereophonics, Cranberries e Aerosmith.

Riscuotono successo e recensioni, vengono invitati al programma televisivo “Database” di Rock tv e a Virgin Radio. Nel 2011 realizzano il loro primo video ufficiale ; “Anni 90” (regia di Tiziano Russo) il video viene selezionato e messo in rotazione su Rock TV ben quattro volte al giorno e il brano viene usato come colonna sonora per ben due pubblicità dell'Heineken Jammin' Festival 2011 e come copertina per “Italian zone” programma dedicato all’intero scenario alternativo Italiano. Le Carte hanno condiviso il palco anche con altre importanti band italiane come Teatro Degli Orrori, Rezophonic, Tre Allegri Ragazzi Morti, La Fame di Camilla, Plan the fuga. Nel settembre 2012 è uscito "100" (Rivolta records).

I Misteri del Sonno nascono nel 2013 in un garage nella periferia di Lecce, dove si incontrano per scrivere e provare nuovo materiale. Ad Aprile entrano in studio per incidere due brani inediti, Sparami e A Modo Mio, registrati e terminati nel corso di due notti di intenso lavoro. Il 10 Maggio il video di Sparami finisce tra i "consigli d'ascolto" di Piero Pelù - leader dei Litfiba - rivolti agli oltre 95.000 fan che lo seguono attraverso le sue pagine ufficiali su Facebook e Twitter.

Il messaggio che introduce il brano è il seguente: «I Misteri del sonno sono dei giovani ragazzacci salentini, al di là del titolo vi invito ad ascoltare questo pezzo fino alla fine, ne vale la pena!», ironizzando sull'omonimia con un singolo della storica band toscana. L'arrivo dell'estate regala a I Misteri del Sonno la possibilità di esibirsi il 14 agosto a Gallipoli per la sesta edizione del Day Off Music Festival, aprendo il concerto degli Skunk Anansie nell'unica data della band inglese in tutto il sud Italia, e di condividere il palco con Stef Burns (chitarrista di Vasco Rossi, Alice Cooper…). In attesa del tour in programmazione nel 2014, la band è impegnata nella produzione del nuovo spettacolo live che includerà i due singoli pubblicati e nuovi brani inediti.

I Parsec nascono nel 2011 come progetto musicale alternative rock. L’idea nasce da Lorenzo Negro (chitarra solista), Paolo Fonseca (voci e chitarra ritmica) e Pasquale Gabrieli (basso), che dopo una breve esperienza in un precedente progetto, decidono di rimettersi in gioco e di creare una nuova band. Poco dopo la sua formazione, viene ingaggiato colui che assumerà il ruolo di voce primaria, Salvatore Caracuta, e dopo qualche mese la line-up viene completata con l’entrata di Matteo Stradiotti alla batteria.

I diversi background musicali di provenienza dei componenti vengono fusi insieme in un sound energico, potente ma allo stesso tempo dolce e melodico: l'immediatezza e l'energia delle chitarre rock, accostate a colori più soffusi e tenui delle linee vocali che a volte sfociano nella classe del più famoso rock inglese, fino ai tocchi più estremi caratteristici della musica metal. I testi, interamente in inglese, alternano tematiche sociali e argomenti più leggeri, configurandosi già da subito con tematiche varie e alla portata di tutti. Forza, energia, passione hanno portato i Parsec a dire la loro attraverso la musica: saranno gli spettatori a saggiare quanta forza, quanta energia e quanta passione riuscirà ad esplodere dagli amplificatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzapagina. Tributo a Bennato, rock alternativo e suoni originali a Cutrofiano

LeccePrima è in caricamento