rotate-mobile
L'evento / Galatina

“Tu non conosci il Sud” con le musiche di Marco Della Gatta

La musicalità della parola nella poesia salentina del Novecento: la liricità di Bodini, Pagano, Comi, Toma con Della Gatta, accompagnato da Marco Chiriatti, Stefano Rielli e Maria Margherita Manco

GALATINA - Con il patrocinio del comune di Galatina, andrà in scena mercoledì 23 agosto (ore 21.00), presso l’ex convento delle Clarisse (piazzetta Galluccio), il concerto dedicato alla musicalità della parola nella poesia salentina del Novecento, Tu non conosci il Sud, con le musiche di Marco Della Gatta (pianoforte e voce), in ensemble con Marco Chiriatti (clarinetto e sassofoni) e Stefano Rielli (contrabbasso), e la voce narrante di Maria Margherita Manco. Il concerto punta l’attenzione sulla ricerca della sonorità della parola attraverso la costruzione melodica delle poesie degli autori salentini, Vittorio Bodini, Vittorio Pagano, Salvatore Toma, Girolamo Comi, in uno stile compositivo ispirato all'aria della prima metà del Novecento, proposta in un'ambientazione vicina al jazz.

Bodini è poeta dalla sensibilità estrema, supremo cantore di un sud mitico, ancestrale, ma, nel contempo, limitante e castrante. Bodini interpreta il barocco "...non tanto e non solo come uno stile architettonico e artistico che ha dato a Lecce la sua inconfondibile fisionomia ma come una condizione dello spirito in cui si riflette il senso del vuoto, l’horror vacui, che i leccesi cercano di colmare con l’esteriorità, l’ostentazione, l’oltranza decorativa, tipica delle chiese e dei palazzi della città” (Giannone). Su tutto, le visioni vivide, il simbolismo tragico e la secolarizzazione infinita del sud, il mistero “della luce/che splende e non esiste” della liricità libera di Vittorio Pagano, l'insofferenza all'ipocrisia e alla consuetudine nella scrittura sonora di Salvatore Toma, l'interiorità ed il disordine esistenziale nell'irregolarità della metrica di Girolamo Comi e nella tensione-ascesa verso lo spirito d'armonia.

Pianoforte, sax e clarinetto, contrabbasso e la voce dello stesso compositore interpretano le composizioni originali dello stesso pianista, in una costante ricerca di equilibrio sonoro e di un'espressività chiara, di comunicazione emotiva in un continuo rinvio tra significante e significato.

La tessitura narrativa, ideata da Maria Margherita Manco e la cui narrazione è affidata alla sua voce, approfondisce alcuni aspetti della poetica degli autori musicati da Della Gatta, soffermandosi prevalentemente sui toni sanguigni e pittoreschi e sui legami di Bodini, Pagano, Toma e Comi con altri grandi poeti a loro contemporanei, fra cui Rina Durante e Rafael Alberti.

Ingresso gratuito

23 agosto, ore 21, giardino dell’ex convento delle Clarisse – Piazzetta Galluccio, Galatina

Info: 338.4960251

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Tu non conosci il Sud” con le musiche di Marco Della Gatta

LeccePrima è in caricamento