Concerti

Un brano per far battere il cuore: “Fidati”. Nuovo singolo di Gervasio Provenzano

In uscita dal 16 aprile scorso su tutti i digital store e in rotazione radiofonica. Promosso dall'etichetta discografica “Soulgem Records”

Si intitola “Fidati” il nuovo singolo del cantautore salentino Gervasio Provenzano, precedentemente in arte Niro, in uscita dal 16 aprile scorso su tutti i digital store e in rotazione radiofonica, promosso dall'etichetta discografica “Soulgem Records”.

Il brano nasce dopo un lungo periodo di riflessione personale e artistica dell’autore e porta alla ribalta un tema molto particolare al giorno d’oggi, appunto la fiducia, che dovrebbe essere alla base di ogni rapporto, ma che spesso viene a mancare nella famiglia, nelle relazioni, nell’amicizia ed in generale in ogni campo.

“Un tema quello della fiducia che deve tornare d’attualità ed essere sentito oggi più che mai” afferma Provenzano, “perché ormai non si riesce più a fidarsi di nessuno, ognuno pensa soltanto ai propri interessi materiali calpestando spesso il prossimo e tradendo appunto l’altrui fiducia, facendo così venire meno i valori essenziali. Il messaggio che trasmette questo brano è che bisogna tornare ad amarsi e ad amarsi l’un l’altro, nonostante gli errori, gli sbagli, i blocchi che viviamo ogni giorno. Perché, alla fine, vanno bene e si possono accettare anche gli errori, se alla fine ci hanno fatto capire quanto si tiene all’altra persona”.

Il brano “Fidati” di Gervasio Provenzano è stato registrato interamente dal vivo in studio e rientra nel genere Indie, un pop con suoni etnici, ed il nuovo stile simboleggia la rinascita dell’autore ed il suo ritorno alle origini. Al progetto hanno lavorato Marco Giorgino (Bpm Studio), Maurizio Errico (basso), Alessio Errico (chitarre), Marco Mariano (percussioni), Lorenzo Mariano (violini), Antonio Russo (batteria) e Francesco Nestola (co-compositore).

Il suo nome d’arte, “Niro” (acronimo di “Non Importa Rinasco Ora”), simboleggiava un cambiamento di cui forse Provenzano non era ancora pienamente convinto. Mentre il vero cambiamento inizia ora, con il ritorno al suo vero nome, Gervasio Provenzano, che indica una svolta nella sua vita artistica.

Gervasio Provenzano da Parabita, nasce il 13 febbraio del 1992 a Casarano e fin da piccolo coltiva un’innata passione per il canto. All’età di 13 anni intraprende un cammino vocazionale presso il seminario diocesano di Nardò-Gallipoli, frequentando allo stesso tempo il liceo Artistico nel settore dell’architettura e dell’arredamento. Nel seminario diocesano partecipa ad un corso privato di organo e si appassiona allo strumento tanto da continuare lo studio autodidatta. Fin da piccolo nota un forte legame tra ogni singola nota e la sua anima. Inizia così a comporre e a scrivere i suoi primi brani, tra cui “Mondo Zero”.

A 21 anni debutta come cantante e cantautore esibendosi nei locali e pub della sua città natale e non solo, e inizia ad essere apprezzato per le sue doti artistiche. Provvisto di grande spirito di iniziativa e molta forza di volontà, vince diversi concorsi regionali, e partecipa a molte ospitate nelle varie piazze della sua provincia. Nel 2015 esordisce con la pubblicazione del suo primo singolo “Mondo Zero”.

Successivamente usciranno altri brani tra cui “È questa la realtà”, “Hey Senorita” e “Tra sogno e realtà”, con cui si guadagna la semifinale nazionale di Area Sanremo 2017. Tra le sue collaborazioni nell’ambito del panorama musicale, vanta anche quella con il Festival “Bar Italia”. Il 26 febbraio 2018 pubblica il suo brano “L’immenso per Me” , scritto e composto dallo stesso per Sanremo Giovani 2018. Nel 2020 ritorna a collaborare con il suo ex compagno di viaggio Roal, il cantautore Alessandro Molle di Gemini, Ugento, con la pubblicazione di due singoli: “Sale in faccia”, raggiungendo più di 40mila ascolti, e “Made in italy” brano di speranza e di protesta. E ora ritorna in scena con il nuovo singolo “Fidati”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un brano per far battere il cuore: “Fidati”. Nuovo singolo di Gervasio Provenzano

LeccePrima è in caricamento