Per la prima volta nel Salento, il pianista che ha commosso il mondo

Aeham Ahamad ha suonato tra le macerie del campo profughi di Yarmouk, in Siria, diventato teatro di feroci bombardamenti e scontri

Foto Ansa.

COPERTINO – Figura poetica e per certi versi già leggendaria,  Aeham Ahamad, si esibirà sabato 18 febbraio (ore 20, ingresso gratuito) presso l’ex convento delle Clarisse, a Copertino nel Concerto per un Mediterraneo di pace.

Ha quasi 30 anni e ha stupito e commosso il mondo suonando il pianoforte tra le macerie del campo per profughi palestinesi di Yarmouk, alle porte di Damasco, in Siria. La sua posizione strategica ne ha fatto, a partire dal 2012, un luogo di feroce contesa tra le forze militari governative e quelle ribelli, supportate dai jiahdisti di Al Qaeda e dello Stato Islamico.

La storia di Ahamad è molto simile a quella di Anas al- Basha, il giovane clown rimasto ucciso durante un bombardamento alla fine del novembre scorso ad Aleppo, la città che non aveva mai voluto lasciare per portare fino all'ultimo un sorriso ai bambini sconvolti da atroci crudeltà..

Il "pianista di Yarmouk", così è stato ribattezzato in tutto il mondo sebbene si definisca solo un amante della musica, un giorno ha deciso di caricare il suo strumento su un carrello e di portarlo in giro tra edifici devastati e paesaggi spettrali, tra un bombardamento e un altro, fino a che non è stato costretto a scappare, trovando rifugio insieme alla sua famiglia in Germania. Da allora non ha mai smesso di promuovere la causa della sua gente attraverso concerti ed esibizioni musicali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ahamad è stato insignito del Premio Beethoven per l'impegno a favore dei diritti umani, della pace, dell'integrazione e della lotta alla fame". Nel 2016 ha anche pubblicato il suo primo album Music for hope, che sarà parte integrante del tour italiano cominciato a Locorotondo il 6 gennaio. E' stato invitato nel Salento nell’ambito della rassegna culturale itinerante “Fineterra – Salento Negroamaro, organizzato dall’associazione Salento Crocevia G. Giannotti, attiva dal 2009.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento