rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Eventi

“No ai condannati in politica”, il comitato viene presentato con una conferenza online

L'incontro si terrà online il 30 aprile alla presenza di Francesco Mandoi - presidente nazionale, già sostituto procuratore Dnaa - e Nicola Grasso - professore di Diritto costituzionale presso l'Università del Salento. L'obiettivo del comitato è quello di promuovere il "no al referendum per l’abrogazione della legge Severino"

LECCE - Sabato 30 aprile alle ore 18:30 si terrà online la conferenza di presentazione del comitato nazionale “No ai condannati in politica”, per il "no all’abrogazione della legge Severino". 

Interverranno Francesco Mandoi, presidente -ex magistrato, già sostituto procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, e Nicola Grasso, professore di Diritto costituzionale presso l’Università del Salento. L’incontro sarà introdotto e  moderato da Margherita Zappatore, vicepresidente nazionale. 

“Il Comitato No ai condannati in politica nasce con lo scopo di promuovere la  legalità e di sensibilizzare la cittadinanza per l’espressione del no al referendum per l’abrogazione della legge Severino -  dichiara Francesco Mandoi - La Legge Severino è una norma fondamentale per garantire la trasparenza e il buon andamento della pubblica amministrazione - prosegue - poiché prevede  l'incandidabilità e la decadenza da cariche elettive per i parlamentari o i membri del Governo che abbiano subìto una condanna che supera i due anni ovvero la decadenza  automatica di sindaci e amministratori locali condannati in primo grado”. 

“L’eventuale abrogazione della legge Severino creerebbe un vuoto legislativo che  permetterebbe persino a condannati per reati di mafia di essere eletti al Parlamento e,  con ancora maggiore facilità, attesi i condizionamenti e l’influenza che i gruppi  criminali possono esercitare sulle comunità locali, essere eletti nei consigli regionali,  provinciali e comunali; è essenziale conservare e difendere la normativa di cui al  decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235. 

"È particolarmente importante mantenere alta la guardia contro ogni forma di illegalità,  soprattutto quando i comportamenti illeciti sono stati oggetto di accertamento  giudiziario e sono stati sanzionati con una pena, come nei casi previsti dal decreto  legislativo sottoposto a referendum”, conclude il magistrato". 

La diretta sarà trasmessa sulla pagina facebook del Comitato, raggiungibile cliccando qui.  

Per maggiori informazioni, scrivere a segreteria@noabrogazioneseverino.it o visitare il sito No all'abrograzione della Legge Severino
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“No ai condannati in politica”, il comitato viene presentato con una conferenza online

LeccePrima è in caricamento