Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cultura

Il centro storico di Lecce e i suoi tesori in 40 audioguide. Basta un’applicazione

L'associazione Amica, vincitrice del bando del 2010 di Principi Attivi, ha messo a punto, oltre ad una mappa cartacea, un'applicazione che consente di scarica circa 4 ore di tracce audio con la storia del capoluogo barocco e delle sue meraviglie

Una panoramica dell'Anfiteatro di Lecce e di parte di Piazza Sant'Oronzo.

LECCE – Dalla stesura di minuziose schede analitiche alla produzione di una mappa cartacea con cinque percorsi e di quaranta tracce audio di cui sei dedicate alla storia della città di Lecce e 34 ai suoi tesori architettonici: dalla basilica di Santa Croce alla Cattedrale, dalla colonna di Sant’Oronzo alla chiesa di San’Irene, per un totale di 220 minuti.

C’è molta passione ed altrettanta competenza nel lavoro dell’associazione culturale Amica (Audio musei a cielo aperto), sorta nel 2011 grazie al bando Principi Attivi 2010 della Regione Puglia. L’idea di Lucrezia Perillo e Luciano Baglivi, con la collaborazione di Sara Romano, passo dopo passo si è tradotta in realtà sotto forma di un’applicazione per smarphone e tablet, con sistema operativo Ios e Android.

Scaricando le app, infatti, si avrà accesso a diverse categorie: "Audioguide" (sezione che contiene le schede dei beni esaminati con foto, descrizioni, ubicazione nonché la relativa traccia sonora), "Dove dormire e mangiare" (sezione in cui sono presenti alcuni selezionati consigli per l’utenza), "Percorsi" (sezione in cui sono presenti i percorsi per fruire di tutti i beni analizzati), "Mappa" (contenente i punti di interesse; inoltre, grazie a questa categoria l’utente che non ha intenzione di seguire i percorsi suggeriti potrà addentrarsi nel centro storico senza il bisogno di cartine o mappe cartacee), "Storia di Lecce" (sezione che contiene le 6 tracce audio relative alla storia di Lecce).

Gli strumenti messi a punto hanno chiaramente un target turistico, nazionale e internazionale, ma vogliono anche essere un contributo per alimentare l’interesse della cittadinanza stessa e avvicinarla alle proprie radici, ricche di storia e fascino. Attualmente l’associazione sta lavorando sulla versione in inglese dell’applicazione, sviluppata in collaborazione con British School di Lecce (sponsor del progetto) e su nuovi progetti centrati sulla valorizzazione del territorio pugliese. L’associazione è aperta a proposte di collaborazione, è presente on-line con il sito arteamica.com e sui social network facebook e twitter come Arte Amica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centro storico di Lecce e i suoi tesori in 40 audioguide. Basta un’applicazione

LeccePrima è in caricamento