Domenica, 1 Agosto 2021
Cultura

“Counseling” ed “analisi transazionale”: percorsi per “leggere” la persona

Viaggio nel mondo professionale di attività di indagine dell'individuo alla ricerca della propria consapevolezza: prova a fornire qualche spiegazione Francesco Aprile, uno dei fondatori di Viva.io, esperienza pioniera nel Salento

Un incontro

LECCE L’uomo e le sue emozioni. Da conoscere e capire per poter crescere nella consapevolezza personale ed affrontare il cambiamento. Si potrebbe forse semplificare così il percorso suggerito dalle professioni d’aiuto, che indagano l’“intelligenza emotiva” per aiutare la capacità di scelta, e che si stanno diffondendo anche in Italia. Nel linguaggio, iniziano a far breccia termini come “counseling” ed “analisi transazionale”: sono stati chiesti chiarimenti e delucidazioni sulla materia e sulla sua utilità a Francesco Aprile, counselor fondatore assieme alla psicologa e psicoterapeuta, Elisabetta Bertoglio, della prima esperienza di riferimento, nata a Lecce, “Viva.io”.  

Si è letto di alcuni percorsi, che si stanno tenendo da qualche mese a Lecce, sull’“intelligenza emotiva”: di cosa si tratta nello specifico?

“Si tratta di un'iniziativa organizzata da ‘Viva.io’, studio associato di psicoterapia e counseling in analisi transazionale, operativo a Lecce dalla primavera di quest'anno. I professionisti che animano il “Viva.io” credono molto nell'importanza della divulgazione delle tematiche legate al benessere e alla crescita personale e per questo hanno creato “i lunedì del vivaio’, ciclo di incontri culturali gratuiti per chiunque voglia conoscere meglio sé e gli altri. In questi mesi autunnali abbiamo voluto dedicare un ciclo di incontri all'esplorazione delle emozioni di base (paura, tristezza, rabbia, gioia) perché ci sembra una buona consapevolezza e gestione del proprio mondo emotivo siano cose sconosciute alla maggior parte delle persone eppure necessarie a vivere bene”.

Sfera razionale ed emotiva, cervello e cuore, intelligenza e sensibilità, spesso sono visti come agli antipodi. Invece, pare di capire che ci sia quasi tra loro una stretta relazione… come riconoscerla?

“Il filosofo Pascal diceva: ‘Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce affatto’. Nella cultura occidentale siamo abituati a vedere le emozioni come qualcosa di irrazionale e negativo che ci priva del controllo e “inquina” le relazioni. È necessario invece riconoscere che le emozioni (anche quelle spiacevoli) sono portatrici di messaggi potenzialmente costruttivi (le emozioni hanno cioè una loro logica, una loro “ragione”) che possiamo ascoltare a patto che tali emozioni vengano accolte e gestite in maniera costruttiva “dialogando” con la nostra parte propriamente razionale. Quando ciò non accade siamo esposti a due rischi opposti: negare le emozioni trasformandoci in freddi calcolatori oppure essere preda delle nostre ondate emotive senza che esse ci portino a nulla di costruttivo.

“Counseling” ed “analisi transazionale” sono termini di uso non comune. Di cosa parliamo quando utilizziamo queste parole e quale l’attività teorico-pratica che sta dietro di loro?

“Il counseling è una professione d'aiuto ampiamente diffusa nel mondo ma introdotta in Italia solo di recente. Un percorso di counseling consiste in una serie di colloqui, guidati da un professionista (il counselor) che offre uno spazio di ascolto e di riflessione per rinforzare le capacità di scelta o di cambiamento con metodologie incentrate sull’ascolto attivo e riportabili ad un colloquio tra adulti. Si tratta quindi di una scelta ottimale per chi sta incontrando alcune difficoltà di vita ma non presenta disturbi o patologie.

L’analisi transazionale, invece, è un indirizzo di pensiero psicologico nato negli anni ’50 ad opera dello psicoterapeuta Eric Berne. È una chiave di lettura della persona e delle relazioni umane diffusa in tutto il mondo, grazie alla sua capacità di coniugare il rigore scientifico con una forte dimensione divulgativa. Viene perciò utilizzata non solo in contesti di psicoterapia, ma anche in tutte quelle realtà (scuole, aziende, comunità, ecc.) in cui assume una particolare importanza la comprensione e l’instaurazione di relazioni umane autentiche. All'interno dello studio “Viva.io”, oltre all'attività divulgativa, offriamo percorsi di psicoterapia o counseling secondo l'approccio dell'analisi transazionale”.

 “Viva.io” è un’esperienza nuova nel Salento? Come nasce? E quali sono i suoi scopi?

“L'esperienza di Viva.io è nata dal lavoro comune di Elisabetta Bertoglio (psicologa e psicoterapeuta) e me (counselor), entrambi specializzati in analisi transazionale. Guardandoci attorno, ci è sembrato che in provincia di Lecce ci fossero già ottimi professionisti ad orientamento analitico-transazionale ma abbiamo voluto andare oltre, creando un centro che potesse offrire al territorio, sotto un'unica struttura, più servizi alla persona (percorsi individuali e di gruppo, sostegno alle coppie, ai nuclei familiari, alle organizzazioni) ma anche workshop formativi, eventi, studi specifici... accomunati dalla stessa visione comune: la riscoperta e la valorizzazione delle potenzialità insite in ognuno di noi”.IMG_8027-2

E perché avete scelto proprio questo nome?

“Abbiamo scelto il nome ‘vivaio’ (leggibile anche come ‘W io!’) perché in un vivaio ci si prende cura di un essere vivente per un periodo di tempo utile alla sua crescita. Lo si nutre, cura, rinforza, perché possa tornare forte e rigoglioso. Chi si prende cura di lui lo segue con attenzione, professionalità e discrezione, sapendo che quella pianta ha un suo posto ‘naturale’ che la aspetta e dove è bene che ritorni, ben salda nelle radici e pronta a portare frutto. Ed è con questo spirito che ci prendiamo cura dei nostri clienti e li accompagniamo perché possano rinsaldare le proprie radici, fiorire e portare frutto”.

Quale la risposta finora riscontrata tra quanti sono venuti a conoscenza dell’esperienza di “Viva.io”?

“Siamo partiti in sordina, facendoci conoscere fondamentalmente attraverso alcuni volantini di presentazione, l'animazione sul web (sito e gruppo facebook) e soprattutto il passaparola dei nostri clienti. Dopo i primi mesi di attività, siamo soddisfatti di come ‘i lunedì del viva.io’ raggiungano il massimo degli iscritti rispetto ai posti a disposizione. Possiamo dire che ‘il giro si sta allargando’ e negli ultimi due incontri abbiamo dovuto creare una specie di ‘lista d'attesa’, il che ci fa pensare che forse dovremmo ripetere l'iniziativa per chi non ha potuto partecipare”.

 Nello specifico, quali sono stati i percorsi affrontati dall’inizio dell’attività dello studio? E quali i programmi per il futuro?

Lo studio attualmente offre percorsi di counseling e psicoterapia nonché una serie di attività di formazione (di cui alcune gratuite) serali o nella forma della ‘full-immersion’ al sabato. Nei prossimi mesi proporremo incontri di formazione per i genitori sulle tematiche educative condotti da me, mentre Elisabetta Bertoglio sta costituendo un gruppo di donne interessate ad un percorso di ‘biblio-terapia di gruppo’ chiamato ‘Leggersi dentro’. Tutte le iniziative saranno riportate sul nostro sito, nel gruppo facebook del viva.io e, ovviamente, risulteranno tra gli eventi di LeccePrima”.

Se dovesse indicare ad un interlocutore di riferimento l’utilità e l’attualità di intraprendere un percorso di counseling, cosa gli direbbe? In sintesi, a cosa gli “servirebbe”?

“Quando stai vivendo un momento ingarbugliato e hai bisogno di rimettere le cose a posto, un counselor ti aiuta a ‘ritrovare il filo’. Ad ognuno di noi può capitare di attraversare momenti difficili e confusi (nella vita professionale, in quella di coppia o familiare, ecc.) in cui capiamo di avere bisogno di un sostegno più efficace del semplice "momento di sfogo con l'amico del cuore". Basandosi sull'ascolto attivo e su specifiche tecniche di colloquio, gli incontri di counseling permettono di prendere consapevolezza della situazione che si vive, di sbloccare le proprie risorse interiori e scoprire nuove possibilità di comportamento. Un buon counselor ti aiuta a scegliere senza scegliere al posto tuo. Ti aiuta a ripartire lasciandoti la responsabilità dei tuoi passi. Ti sostiene nel cambiamento e nel recupero delle tue ‘energie sopite’ nei momenti chiave della tua vita”. 070520123762-2

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Counseling” ed “analisi transazionale”: percorsi per “leggere” la persona

LeccePrima è in caricamento