Cristina Carlà per Surbook: cultura da condividere

Il colore delle cose fragili è la parte migliore di Cristina Carlà.

Cristina non è un’esordiente, la sua penna ha già percorso
svariati sentieri, è poliedrica, si sperimenta e si re-inventa,
ma sempre grazie alla parola. Il libro è un mix di prosa e versi,
una scrittura in movimento che racconta le cose del mondo,
descrive la bellezza che ritrova per caso nella vita di tutti i
giorni e nei gesti comuni.

A guidarci in questa lettura pochi
capitoli che si colorano di viola (del movimento), blu
(dell’amore), rosso (dell’essere femmina), nero (della verità).

Cristina Carlà, laureata in Traduzione e Interpretazione
presso la SSLMIT di Forlì, Scuola Superiore di Lingue
Moderne per Interpreti e Traduttori, Università di Bologna.

Vive in Francia ma il richiamo degli ulivi la fa tornare nella sua
terra. Nel 2018 partecipa a Landxcape Puglia.

È appassionata di teatro. Lavora come traduttrice freelance e
collabora con Colori Vivaci Magazine, vince il Premio
Letterario Nazionale Adriana Martino e ottiene la menzione
speciale al Concorso Nazionale Versus Sulmona.

Esibizione live della cantautrice Federica Palma.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Semina parole": laboratorio di lettura espressiva

    • dal 8 al 22 novembre 2020
    • Fondo Verri

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “Boom”: il brano della salentina Alessia Leo

    • solo oggi
    • 22 novembre 2020
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • “Progettando il territorio”: cronache del Collegio dei Geometri

    • dal 4 al 30 novembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento