Cultura

Cupertinum doc. Il cuore del Negroamaro, 2015

. Per gli ottant’anni delle cantine

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

In occasione del suo ottantesimo anniversario la Cupertinum, Antica Cantina del Salento 1935, ha pubblicato il nuovo "CUPERTINUM DOC. Il Cuore del Negroamaro".

Il giornale contiene interessanti interviste al regista Francesco G. Raganato; allo chef e star televisivaSimone Rugiati; al sound-designer Taketo Gohara; a Caterina Ragusa, direttrice del Castello di Copertino; al soprintendente Francesco Canestrini; il progetto Vigneto sul Castello di Copertino - primo e unico al mondo - è raccontato da Luciano Ferraro, grande firma del Corriere della Sera; da segnalare anche contributi storici importanti: un documento del 1500 - presentato da Fernando Guida - che racconta i "vini perfettissimi" di Copertino; un raro testo dedicato aCopertino dallo scrittore Luciano Bianciardi; la storia del primo Rosato imbottigliato; il Glykòs, primo Passito da Negroamaro… Meritano un elogio anche le fotografie che accompagnano questo nuovo numero, opera di Raffaele Puce e di Cosimo Trono.

"Il Castello di Copertino - sostiene l'enologo Giuseppe Pizzolante Leuzzi - che portiamo orgogliosamente come emblema sulle etichette dei nostri vini a Copertino Doc, con il progetto del Vigneto sul Castello è diventato una chiave di volta per il futuro del territorio. Da ormai molti decenni, i nostri Copertino Doc sono dei veri ambasciatori del Salento nel mondo. Qualità dei vini e bellezza artistica. E anche in questo numero di Cupertinum Doc cerchiamo di valorizzare questo connubio, con interviste e interventi che danno respiro al lavoro dei soci conferitori e della Cantina, ricordandoci che coltura e cultura hanno la stessa radice. Radici. Le abbiamo ben salde, come dimostrano i nostri ottant'anni, come dimostra il documento del Cinquecento che pubblichiamo, come dimostra la storia del Rosato".

"Ma non ci accontentiamo - continua il presidente Francesco Trono - vogliamo anche le ali dell'innovazione, ecco allora il Glykòs, primo vino passito da negroamaro, ecco il Vigneto sul Castello, la collaborazione con il Movimento Turismo del Vino per Calici di Stelle e Natale in Cantina, l'attenzione alla cultura. Con questa consapevolezza guardiamo fiduciosi al futuro.

1935-2015. Ottant'anni della Cupertinum insieme ai soci, ai salentini, alle istituzioni regionali, provinciali e comunali, agli enti e alle associazioni collaborazione e apertura con tutti i soggetti con cui possiamo interagire per valorizzare il territorio. Insieme, con i nostri simboli nel cuore: Cantina, cooperazione, Castello, Negroamaro, Copertino Doc, Salento… 'Mettere insieme idee di innovazione e di partecipazione', come dice l'illustre filosofo Antonio Prete, nostro concittadino".

N.B. In allegato la copertina di Cupertinum doc. Chi desiderasse una copia può richiederla a: cupertinum@libero.it oppure passare presso la Cantina

CUPERTINUM, Antica Cantina del Salento

Via Martiri del Risorgimento 6, Copertino (Le)

tel+fax 0832.947031; www.cupertinum.it - cantinacopertino@libero.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cupertinum doc. Il cuore del Negroamaro, 2015

LeccePrima è in caricamento