Ecce mondo: il libro di Nico Catalano

Nell’ambito del progetto “Libri di Puglia”, promosso dalla Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia e dall’Associazione Pugliese Editori per incentivare la lettura e la cultura del libro in luoghi alternativi alle biblioteche e alle librerie e incontrare un nuovo pubblico.

Intervengono
Nico Catalano (autore)
Cristiano Marti (editore)

Con la presentazione del saggio Ecce mondo di Nico Catalano (Giazira Scritture) entra nel vivo il programma culturale del progetto “Libri di Puglia”, promosso dalla Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia e dall’Associazione Pugliese Editori per offrire nuove forme di promozione del libro e incentivare la lettura in luoghi alternativi alle biblioteche e alle librerie, tradizionalmente deputate a questo tipo di attività.

Per creare occasioni di incontro e di fruizione dei libri e raggiungere nuovi lettori, la Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia e l’Associazione Pugliese Editori hanno coinvolto 13 locali – prevalentemente dedicati alla ristorazione (bar, caffè letterari, pub) – distribuiti nelle sei province pugliesi, per ospitare eventi culturali legati al mondo del libro (presentazioni, reading, incontri con gli autori) e diventare punti lettura permanenti: in ogni locale, infatti, gli avventori hanno a disposizione per la lettura e il prestito uno scaffale di libri pubblicati dagli editori pugliesi aderenti al progetto.

Con Libri di Puglia la Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia e l’Associazione Pugliese Editori vogliono offrire un’animazione culturale costante del pubblico e saldare la proposta libraria con quella dell’intrattenimento, contribuendo inoltre allo sviluppo dell’imprenditoria pugliese nel segmento editoriale e alla diffusione del ricco e variegato panorama letterario della regione.


IL LIBRO / ECCE MONDO
«L’attuale modello di sviluppo economico globale consuma una quantità di risorse naturali più velocemente di quanto gli ecosistemi del nostro pianeta siano in grado di produrre. Un processo, questo, che sta portando il genere umano verso l’autodistruzione». Stiamo davvero correndo verso il baratro? E quali soluzioni la politica e i cittadini possono adottare per invertire una tendenza che sta mettendo a rischio la vita delle generazioni future? La risposta in questo libro che, fra denunce ed esempi virtuosi, porta con sé un messaggio chiaro: il vivere ecologico è possibile. E ognuno di noi, custode del pianeta, può esserne l’esempio.

L'AUTORE / NICO CATALANO
Nicola Catalano (classe ’71) è laureato in agraria e svolge la professione di dottore agronomo. Dal 2013 è consulente presso il Dipartimento Agricoltura Sviluppo Rurale e Ambientale della Regione Puglia. Dal 2016 è dirigente regionale di AIAB Puglia (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) e dal 2018 siede a Roma nel consiglio di amministrazione della FIRAB (Federazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica). È componente del Forum Pugliese per l’agricoltura sociale. Per i tipi di Radici future ha pubblicato Abbiamo fatto 13 (2018).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • La sfida del Salento che si spopola

    • solo oggi
    • 21 gennaio 2021
    • Online
  • Iscrizioni aperte per il concorso "Free Patrick Zaki"

    • Gratis
    • dal 8 al 28 gennaio 2021
  • Nasce il blog “Perché senza tv, signor Luhmann?”

    • Gratis
    • dal 16 al 31 gennaio 2021
    • Online

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Racconto la mia disabilità: il libro di Cristina Mariano

    • fino a domani
    • dal 5 al 25 gennaio 2021
  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • “Navigare a vista”: il nuovo singolo dei Salento All Stars

    • dal 15 al 31 gennaio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento