Ezechiele Leandro e il sacro

In occasione di una mostra di presepi dell’artista “irregolare” Ezechiele Leandro allestita da don Gerardo Ippolito nella chiesa – progettata dall’architetto Franco Purini – di san Giovanni Battista, Lorenzo Madaro e Brizia Minerva – già curatori, con Antonella Di Marzo e Tina Piccolo, della retrospettiva Leandro unico primitivo, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali in collaborazione con Regione Puglia e Provincia di Lecce – propongono un talk dedicato all’artista, al suo rapporto con la dimensione sacra e alle prospettive di tutela e valorizzazione del suo Santuario della pazienza di San Cesario di Lecce.

Concepito sul lato sinistro della sua abitazione, il Santuario della pazienza, oggi in uno stato di conservazione decisamente precario, è popolato diverse decine di gruppi statuari costituiti da una struttura interna in ferro su cui l’artista ha plasmato una malta cementizia, dal cui nucleo emergono brandelli di piastrelle e altri materiali di risulta, metalli compresi. Le pareti di cinta un tempo erano del tutto ricoperte da bassorilievi e dipinti murali, oggi parzialmente distrutti o rimossi indebitamente.

La grande opera, vincolata dalla soprindendenza, vive nella sua dimensione spaziale ambientale, va percorsa e interrogata, nasconde antri e viali, gruppi statuari di grande formato e piccoli pannelli realizzati con cemento e pittura. Leandro inizia l’edificazione del suo capolavoro nel 1962, lo ambienta nel giardino adiacente al suo personale museo, dove aveva nel frattempo allestito una panoramica della sua attività pittorica e dove ospitava curiosi e scolaresche. Ezechiele osserva la natura e le credenze popolari, da cui estrae esseri dalle fattezze antropomorfe e animali arguiti da un bestiario fantastico. Nella sua pittura, così come nei gruppi statuari del Santuario, emergono altresì espliciti riferimenti all’iconografia cristiana, con scene ispirate alle Sacre Scritture, come la Passione di Cristo, l’Inferno, il Paradiso e il Purgatorio, la Madonna, affiancati a scene profane.

L’incontro sarà pertanto dedicato all’analisi del suo percorso artistico finalizzate a un dibattito attorno ai temi della tutela e della valorizzazione della sua Opera.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Otràntu": il videoclip di Anna Sabato

    • Gratis
    • dal 5 aprile al 31 dicembre 2021
    • https://youtu.be/lNJwqaGv7tA
  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • “I mestieri del cinema” nell’Istituto Tecnico Antonietta De Pace

    • Gratis
    • dal 1 marzo al 28 maggio 2021
    • Istituto Tecnico Professionale Antonietta De Pace
  • Laboratorio teatro e benessere

    • dal 30 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Centro sociale viale Roma
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    LeccePrima è in caricamento