Domenica, 1 Agosto 2021
Cultura Via de Simone, 10

Festa patronale ad Arnesano: 165 anni di fede e tradizione

Viene presentato il programma dei Solenni Festeggiamenti in onore del SS. Crocifisso, Santo Patrono della Città di Arnesano. Sono trascorsi 165 anni dal miracolo del 1848.

Venerdì 28 giugno, nella Comunità Parrocchiale di Arnesano, hanno avuto inizio i solenni festeggiamenti in onore di Gesù Crocifisso. Protettore particolare della Città, con la sua effigie miracolosa, testimonia una lunga storia di fede e tradizione.

A metà dell'aprile 1848, in Arnesano si diffuse un'incontrollabile epidemia di tifo petecchiale che, resistendo ad ogni intervento medico, mieteva vittime in ogni casa. L'8 maggio, l'allora parroco don Luigi Briganti volse lo sguardo all'immagine del Crocifisso, invocando la fine dell'epidemia: "O Gesù, in Te è la salute, la vita! O Gesù salva il paese!". Senza aspettare altro, i sacerdoti ed il popolo uscirono salmodiando in processione, portando in spalla la sacra immagine del Crocifisso. Fu così che ebbe luogo il miracolo che oggi, a 165 anni di distanza, richiama a sé una gran folla di fedeli, raccolta in preghiera, ai piedi della Croce, ogni prima domenica di luglio.

Come da tradizione, il programma diffuso dal Comitato Feste Patronali è ricco e variegato. Per nove sere (28 giugno - 6 luglio), nella Chiesa Parrocchiale, alle ore 19.30 si sta svolgendo la Solenne Novena: nella preghiera si adorano le cinque piaghe della Croce, invocando l'intercessione nelle necessità individuali e collettive.

Il Solenne Triduo, precedente il sabato della Festa, vedrà nei prossimi giorni la predicazione di don Tony Drazza, Assistente Nazionale del Movimento Studenti di Azione Cattolica.

La giornata di sabato 6 luglio sarà la giornata di vigilia della Festa: la recita del Santo Rosario e delle Preghiere a Gesù Crocifisso, a partire dalle ore 20.45, precederanno la Solenne Celebrazione Eucaristica di Discesa della Croce. A presiederla sarà S. Ecc.za Rev.ma Mons. Giuseppe Sciacca, Segretario Generale del Governatorato dello Stato di Città del Vaticano, il quale offrirà anche un panegirico al termine della Solenne Processione, il giorno successivo.

Nella mattina di domenica 7 luglio, Giornata della Festa, si susseguiranno diverse Celebrazioni Eucaristiche in onore del SS. Crocifisso (ore 6.30 - 8.00 - 9.30 - 11.00, tutte presso la Chiesa Parrocchiale). Al pomeriggio, alle ore 19.00, Mons. Sciacca, presiederà la Celebrazione Eucaristica e guiderà, al termine, la Solenne Processione che si snoderà per le vie del Paese, fino a raggiungere la Piazza del Palazzo Marchesale, dove risuoneranno le note del tradizionale Inno, cantato da un coro di fanciulli. Al termine del messaggio che Mons. Sciacca offrirà alla folla di fedeli accorsi, l'effigie del Crocifisso sarà ricondotta presso la Chiesa Parrocchiale.

I solenni festeggiamenti proseguiranno lunedì 8 luglio, Giornata di Ringraziamento, con la S. Messa e il canto del Te Deum. Domenica 14 luglio Mons. Domenico Umberto D'Ambrosio, Arcivescovo Metropolita di Lecce, celebrerà la Solenne Eucarestia, al termine della quale l'effigie miracolosa sarà riposta nel suo altare.

A dare alla Festa un'impronta di solidarietà sarà la Sagra "Cuettu allu furnu te petra", giunta ormai alla terza edizione. Organizzata dalla Caritas Parrocchiale, patrocinata dall'Union 3 e dal Comune di Arnesano, l'evento si inserisce nel progetto solidarietà "Una mano tira l'altra". Ciascuno è invitato a prendervi parte nei giorni di venerdì 12 e sabato 13 luglio, a partire dalle ore 20.30, presso la piazza antistante il Palazzo Marchesale.

"Riuniti da 165 anni presso il Tuo miracoloso simulacro, inneggiamo con fede a Te, nella ricorrenza della tradizionale festa. Innumerevoli sono le grazie che dal Tuo trono di misericordia hai sempre ed a tutti elargito. Ci mettiamo tutti sotto la Tua paterna protezione e fai che, per mezzo della Santa Vergine, Madre Tua e Madre Nostra, possiamo ricongiungerci tutti nella gloria del Santo Paradiso". L'augurio è questa Festa possa essere un momento di rinnovamento spirituale per tutti, specialmente per coloro che affrontano un momento di aridità interiore e di precarietà spirituale.

Matteo De Nanni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa patronale ad Arnesano: 165 anni di fede e tradizione

LeccePrima è in caricamento