FolkBooks live alle Officine Cantelmo

  • Dove
    Officine Cantelmo
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 28/12/2019 al 28/12/2019
    19:30
  • Prezzo
    8 euro
  • Altre Informazioni

Sabato 28 dicembre (dalle 19:30 - ingresso 8 euro) alle Officine Cantelmo di Lecce ultimo appuntamento di FolkBooks live 2019, festival tematico dedicato alle più recenti e importanti produzioni del "movimento" che ruota intorno alla musica di tradizione e alle sue rielaborazioni, prodotto da Antonio Santoro e organizzato da Diotimart con il supporto di CoolClub e il sostegno della Regione Puglia.

Dalle 19:30 la serata finale si aprirà con lo spettacolo Di Zampogne, partenze e poesia, disco d'esordio del fiatista e polistrumentista Giulio Bianco - prodotto dal Canzoniere Grecanico Salentino con il sostegno di Puglia Sounds Record 2018 - affiancato dal violinista Mauro Durante. Il cd contiene sei brani originali, scritti e arrangiati da Bianco: "Tornare", "Trainieri" con le voci registrate dei cantori Uccio Aloisi e Uccio Bandello, "Valzer dei giocattoli dimenticati", prodotto e arrangiato in collaborazione con Inude, "Cirano", "Tarantella di San Filippo", con un tema iniziale di un brano tradizionale siciliano e "Ronda".

Alle 20:30 spazio alla presentazione di Rito e Passione. Conversazioni intorno alla musica popolare salentina (Itinerarti 2019) di Vincenzo Santoro. Il "rinascimento" musicale salentino, la controversa patrimonializzazione del tarantismo, le forme spettacolari e il retaggio di riti tradizionali, le esperienze appassionate maturate nella dialettica mai risolta fra spinte dal basso e intervento istituzionale, sono alcune delle tracce attraverso cui leggere le vicende che hanno percorso in questi anni recenti un territorio diventato meta di crescenti folle di turisti, laboratorio a cielo aperto di esclusive politiche culturali e complesso cantiere della memoria. Con la dovuta attenzione alla pluralità di sguardi che la terra tra i due mari non finisce di attrarre, le riflessioni sul "movimento" salentino sono condotte anche attraverso le testimonianze, per vari aspetti esemplari, di alcuni suoi protagonisti come Brizio Montinaro, Giovanni Pellegrino, Maurizio Nocera, Luigi Lezzi, Donatello Pisanello, Franco Tommasi, Roberto Raheli, Edoardo Winspeare, Gino Di Mitri, il compianto Sergio Torsello, Maristella Martella e due degli ospiti del festival Mauro Durante e Antonio Castringnanò che dialogheranno con l'autore.

Dalle 21:30,
FolkBooks si chiuderà con un concerto inedito interpretato e diretto proprio da Antonio Castrignanò affiancato da Taranta Sounds e dagli ospiti Eliseo Castrignanò (pianoforte), Redi Hasa (violoncello) e Maria Mazzotta (voce). Cantante, musicista, compositore e percussionista, Castringnanò è divenuto negli anni uno dei personaggi simbolo della riscoperta tradizione musicale del Salento. Con l’orecchio attento agli stilemi del passato e la curiosità di chi vuole vivere la contemporaneità accettandone le sfide, Castrignanò sfrutta la tensione espressiva che si muove tra queste due direttive per costruire un repertorio del tutto personale, spesso connotato da composizioni autografe.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • La storia di Lecce si racconta attraverso i giornali salentini

    • dal 25 novembre al 25 dicembre 2020
    • Convitto “G. Palmieri”
  • Test rapidi gratuiti per Ruffano

    • Gratis
    • dal 25 novembre al 31 dicembre 2020
    • Area mercatale Taurisano
  • "Nikolaus, la leggenda del Natale" di Roberto Marius Treglia e Alberto Greco

    • dal 1 al 25 dicembre 2020

I più visti

  • La mostra di Gianni Berengo Gardin a Otranto

    • dal 16 luglio 2020 al 20 novembre 2021
    • Castello Aragonese
  • Venerdì Siria: sapori e profumi vegan dal Medio Oriente

    • dal 18 dicembre 2019 al 18 dicembre 2020
    • Agricola Samadhi
  • Inaugurazione della mostra Home Landscape di Level project

    • dal 24 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • ex chiesa di San Francesco della Scarpa
  • La storia di Lecce si racconta attraverso i giornali salentini

    • dal 25 novembre al 25 dicembre 2020
    • Convitto “G. Palmieri”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento